Servizio

FAQ – Quesiti e chiarimenti Progetto Memoria 2016

Pagina dedicata alle richieste di chiarimenti sul Progetto Memoria 2016.

 

Quesito 1. Ho appena letto del bando progetto memoria e mi chiedevo se fosse possibile chiederle e ottenere chiarimenti riguardo al materiale da consegnare. Nello specifico mi piacerebbe avere più dettagli riguardo le 5 massimo 10 pagine di trattamento dell’opera. Deve includere una sceneggiatura? Si tratta di un documento generale sull’opera?

Risposta al quesito 1. Con riferimento al suo quesito, si precisa che il preventivo/offerta dovrà contenere: “Trattamento dell’opera (fiction o docufiction) da realizzare (minimo 5 pagine – massimo 10 pagine formato A4)”, come da art. 4 dell’Avviso. Il trattamento pertanto, secondo le modalità precisate, è sufficiente.

 

Quesito 2. In merito al bando di PROGETTO MEMORIA appena pubblicato, una domanda. Premessa: nell’articolo 3 specificate, tra i requisiti professionali del regista da inserire nella documentazione, il Diploma in Regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia. In qualità di diplomato in Produzione Creativa (che comprende, tra le varie competenze, anche la Regia) presso il Centro Sperimentale di Cinematografia, posso considerarmi eleggibile nel ruolo di regista per questo bando di concorso?

Risposta al quesito 2. Al fine della partecipazione è necessario possedere i requisiti previsti dall’Avviso. Nello specifico, con riferimento al suo quesito, è previsto espressamente all’art. 3 del suddetto Avviso che la figura del regista deve possedere uno dei seguenti requisiti professionali:

Essere diplomata/o in regia presso scuole di cinema nazionali quali (ad esempio):

  • Centro Sperimentale di Cinematografia
  • Fondazione Milano – Scuola di Cinema e Televisione
  • Zelig Bolzano
  • NUCT
  • Griffith Accademia di Cinema e Televisione

Essere diplomata/o in regia presso una scuola di cinema internazionale equipollente


Quesito 3. Leggo che la figura del regista deve possedere uno dei seguenti requisiti professionali: • Essere diplomata/o in regia presso scuole di cinema nazionali quali (ad esempio): – Centro Sperimentale di Cinematografia – Fondazione Milano – Scuola di Cinema e Televisione – Zelig Bolzano – NUCT – Griffith Accademia di Cinema e Televisione che suona un po’ come se l’università cercasse un ricercatore laureato in istituzioni come, ad esempio, la Sapienza, la Bocconi, la Cattolica, la Federico II.

Vi scrivo unicamente allo scopo di capire quanto larga sia la dicitura “ad esempio”. Io sono un regista, vivo fra Roma e Bruxelles (ma sono nato e cresciuto a Lecce!!), ho realizzato molti corti, video-installazioni e performance di danza contemporanea, ho pubblicato un libro fra cinema e filosofia su (e con) Citto Maselli (con Besa edizioni), ho girato dei video-reading molto particolari per e con Stefano Benni (Feltrinelli), purtroppo al momento sotto vincolo di contratto ma proiettati già con successo al Macro di Roma e alla Cineteca di Bologna.

Ho conseguito una Laurea in Lettere Moderne (110 con lode), mi occupo di scrittura giornalistica e più specificamente di scrittura culturale, ho lavorato come ghostwriter per allievi e studenti di svariate scuole e per liberi professionisti, ho insegnato privatamente italiano agli stranieri in Belgio, qualche volta ho tenuto dei corsi di sceneggiatura. I miei lavori sono stati esposti con successo a Roma, Milano, Cosenza, Pechino, Lecce e Bruxelles.

Nel 2010 la Cineteca Nazionale ha realizzato una rassegna dei miei corti e nel 2015 LaRecherche.it ha pubblicato un ebook intervista dedicato a me. Nel dicembre 2015 ho fondato una piccolissima società di produzione e arti visive, la Undr srl, che ha sede a Cavallino (Lecce).

Risposta al quesito 3. Con riferimento ai suoi quesiti, come previsto dall’Avviso la figura del regista deve possedere uno dei seguenti requisiti professionali:

Essere diplomata/o in regia presso scuole di cinema nazionali quali (ad esempio):

  • Centro Sperimentale di Cinematografia
  • Fondazione Milano – Scuola di Cinema e Televisione
  • Zelig Bolzano
  • NUCT
  • Griffith Accademia di Cinema e Televisione

Essere diplomata/o in regia presso una scuola di cinema internazionale equipollente;

Avere almeno un’opera selezionata in uno dei seguenti festival (come da elenco completo riportato nell’Avviso).


Quesito 4. In ogni caso, è uno solo fra questi. Dunque o requisiti di diploma o i requisiti relativi alla partecipazione ai festival. È corretto?

Risposta al quesito 4. Le confermiamo che i requisiti sono esattamente quelli riportati nell’Avviso.

 

Quesito 5. Gentilissimi, desidererei sapere se il progetto in questione prevede anche un Bando. Oltre l’istanza di partecipazione riportata nell’avviso pubblico non mi riesce di individuare, per esempio, i ”requisiti professionali” previsti nell’art.3 (vd.all/) che consentono di partecipare a tale progetto.

Risposta al quesito 5. Nella apposito sezione del nostro sito, Bandi e Fornitori, potrà trovare l’Avviso Pubblico del Progetto Memoria unitamente all’allegato (istanza di partecipazione). In entrambi sono dettagliati i requisiti richiesti.

 

Quesito 6. Mi chiedevo se fosse indispensabile presentare 3 proposte o se si potesse presentarne una sola

Risposta al quesito 6. L’Avviso prevede la possibilità di inviare fino a tre proposte, ma è possibile presentarne anche solo una.

 

Quesito 7. Volendo partecipare al progetto Memoria volevo chiedervi alcune delucidazioni: la nostra è un’associazione culturale, senza partita IVA, che ha come scopo (anche) quello di produrre opere cinematografiche. Potremmo, dunque, partecipare al bando?

Risposta al quesito 7. Un’associazione culturale che può emettere fattura si configura come operatore economico, e quindi può partecipare all’Avviso a condizione che abbia tra le proprie attività la produzione audiovisiva e cinematografica. La partita IVA deve essere posseduta prima della presentazione del preventivo/offerta.

 

Quesito 8. Vorrei gentilmente un chiarimento. Il regista deve SIA essersi diplomato in una delle scuole designate e SIA aver partecipato ad uno dei festival in elenco o è sufficiente UNO solo dei due requisiti?

Risposta al quesito 8. Si precisa che la figura del regista deve possedere uno dei requisiti indicati all’art. 3 dell’Avviso.

 

Quesito 9. Chiedo chiarimenti in merito al punto e), questo:

e) attestazione – laddove necessario – del possesso dei requisiti generali e di idoneità professionale previsti dagli articoli 38 e 39 del D. Lgs. n. 163/2006 (articolo 327 del D.P.R. 207/2010);

Risposta al quesito 9. Come previsto dall’Avviso e dal suo allegato, ove applicabile, va dichiarato il possesso dei requisiti generali e di idoneità professionale previsti dagli articoli 38 e 39 del D. Lgs. n. 163/2006.

Può cercare nel Codice degli Appalti citato un maggiore dettaglio, o contattare gli uffici della Fondazione per chiarimenti ove ancora necessario.

 

Quesito 10. Il progetto presentato può essere un soggetto frutto di un adattamento da un libro o deve necessariamente essere un soggetto originale? E ancora, le 3 proposte temporali possono essere sviluppate attorno alla stessa storia adattata in 3 epoche differenti?

Per quanto riguarda invece i requisiti richiesti al regista si richiede che abbia partecipato a uno dei festival riportati nel bando. Io lo scorso anno ho partecipato al Festival del Cinema Europeo di Lecce nella sezione Puglia Show con il film documentario “La terra di fronte”, selezionato Fuori Concorso. Vi chiedo quindi se questo soddisfi il requisito o meno.

Infine, visto che nel bando è specificato che ogni opera finanziata e realizzata è di proprietà dell’AFC, vorrei sapere se ci può comunque essere la possibilità per il film di partecipare a festival o concorsi.

Risposta al quesito 10. Con riferimento ai suoi quesiti, di seguito i chiarimenti richiesti:

  • il trattamento, da allegare alla domanda, va prodotto unitamente ad una attestazione che dica che si tratta di un trattamento originale e che l’operatore economico ne detiene i diritti o ne ha opzionato gli stessi;
  • le proposte da sviluppare creativamente, devono essere differenti, originali e possono essere al massimo 3;
  • la partecipazione al festival del Cinema europeo di Lecce costituisce requisito per partecipare all’Avviso, precisando che i festival indicati costituiscono un elenco indicativo e non esaustivo;
  • la Fondazione AFC, come previsto dall’Avviso, aggiudicherà almeno nove distinti contratti di produzione esecutiva, riservandosi la proprietà totale dell’opera ed ogni suo diritto di sfruttamento. Tanto premesso, sarà cura della Fondazione, coordinandosi con il produttore esecutivo, fare in modo che le opere partecipino a festival e concorsi.

 

Quesito 11. Segnalo che sul sito ufficiale di Apulia Film Commission non è possibile visionare né scaricare in forma integrale l’avviso pubblico relativo a Progetto Memoria 2016. Chiedo pertanto di poter ricevere tale documento o un link dove lo stesso sia scaricabile.

Risposta al quesito 11. È possibile scaricare l’Avviso al seguente link: http://tools.apuliafilmcommission.it/bandi-e-fornitori/#progetto_memoria_2016

 

Quesito 12. In riferimento al progetto in oggetto, quali sono le date entro le quali bisogna iniziare e concludere il predetto al fine della consegna dell’ ultima e definitiva copia del dvd del girato ?

Ed inoltre, è possibile associare al  vostro finanziamento altri contributi pubblici o privati per l’incremento del  budget ?

Bisogna inviare anche una sceneggiatura o basta il trattamento così come indicato nel bando?

Risposta al quesito 12. Con riferimento ai suoi quesiti precisiamo che le date per ciascuna fase sono specificate all’art. 6 dell’Avviso, Cronoprogramma delle attività.

Con riferimento al suo secondo quesito precisiamo che con il progetto Memoria la Fondazione Apulia Film Commission non  finanzia la realizzazione di un’opera in quanto il contratto che si va a stipulare è un contratto di fornitura di servizi con l’operatore economico individuato per la produzione esecutiva.

La circostanza che possano essere acquisite ulteriori risorse è, pertanto, di difficile applicazione. L’operatore economico in ogni caso dovrà sempre rispettare le regole dell’avviso pubblico e, quindi, la proprietà totale dell’opera ed ogni suo diritto di sfruttamento saranno della Fondazione Apulia Film Commission.

In ultimo, l’art. 4 dell’Avviso elenca tutta la documentazione da produrre tra cui anche il trattamento dell’opera.

 

Quesito 13. Chiedo due informazioni sulle condizioni di ammissibilità al bando in oggetto:

1) I miei documentari non sono mai stati selezionati nei Festival della lista, bensì in due non menzionati (Festival des à coté – Francia, Festival Emigra di Varsavia) come pure la mia formazione al documentario è avvenuta a Lussas, (Francia) nel Centro di cinema documentario d’autore. Questa situazione rende non ammissibile la presentazione di un mio progetto oppure ne riduce il punteggio?

2) Il progetto è stato girato parzialmente in Puglia nel 2015. Posso presentarlo?

Risposta al quesito 13. Le confermiamo che Sì, la partecipazione ai festival da lei citati e la scuola indicata costituiscono requisito per partecipare all’avviso pubblico. Si specifica che i requisiti professionali richiesti per il regista, così come elencati all’art. 3 dell’avviso pubblico, sono indicativi e non esaustivi.

Precisiamo altresì che, con riferimento al secondo quesito, l’inizio lavorazione deve essere successivo all’approvazione e alla stipula del contratto con la Fondazione AFC.

 

Quesito 14. Mi chiedevo se, con una laurea in Arti e Scienze dello Spettacolo con Indirizzo Cinematografico presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza e con un attestato di partecipazione al corso di Regia Cinematografica presso il Centro Sperimentale di Roma, rientrassi nei requisiti di ammissione al Progetto Memoria.

Risposta al quesito 14. La laurea in scienze dello spettacolo non è prevista quale requisito, mentre per quanto concerne l’attestato di partecipazione al corso di Regia Cinematografica presso il Centro Sperimentale di Roma se corrispondente al diploma rientra.

 

Quesito 15. In merito al punto 2 dell’art. 4, lì dove si fa riferimento al materiale da allegare alla richiesta, si parla di “trattamento”. Onde fugare qualsiasi dubbio volevo chiedere se fosse sufficiente, sia in caso di fiction sia di docufiction, il solo trattamento e non la sceneggiatura completa.

Risposta al quesito 15. È  sufficiente il trattamento, come richiesto al punto 2) a pagina 6, in cui sono specificate anche le pagine ed il formato.

 

Quesito 16. 1) Il cronoprogramma, è l’avviso pubblico Allegato 1 Istanza di partecipazione oppure esiste un altro documento? Se è diverso, potrebbe segnalarmi il link dove scaricarlo?

2) Per quanto concerne la date di consegna devo prendere in considerazione l’Art 2 dell’Avviso ovvero entro i 12 Settembre 2016, perchè l’Art 6 mi sembra che dica altro a meno che  sto leggendo un documento che non c’entra nulla.

3) Per quanto concerne i requisiti del regista, nell’avviso si parla di un certo ‘Art 3 ma di quale documento? Perchè l’Art 3 del Avviso cita così 3) il periodo di validità dell’offerta/preventivo è il seguente ……………………………………………… (comunque non inferiore a 120 giorni);

Risposta al quesito 16. Di seguito le informazioni richieste:

1) Sul nostro sito è pubblicato ed è quindi scaricabarile in formato pdf  l’Avviso, e l’istanza di partecipazione in doc. Nel primo documento, in doc, trova a pagina pagina 7 art. 6 indicazione puntuale delle date da rispettare per la realizzazione dell’attività, ove l’operatore economico dovesse risultare aggiudicatario del servizio.
Il link è il seguente: http://tools.apuliafilmcommission.it/bandi-e-fornitori/#progetto_memoria_2016

2) Le date sono quelle indicate all’art. 6, sopra indicato

3) l’art. 3 dell’Avviso riporta i requisiti per la partecipazione, anche quelli richiesti al regista. La durata dell’offerta è differente dal cronoprogramma al punto 1, e si riferisce al preventivo presentato dagli operatori economici partecipanti.

 

Quesito 17. Sto valutando la possibilità di partecipare al bando memoria con un operatore economico, ho letto la descrizione del profilo professionale del regista, un mio precedente lavoro è stato selezionato al “NET indipendent Film festival”, è valido per la selezione?

Inoltre, sono laureata in cinema presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”, corso di laurea Letteratura, Musica e Spettacolo, è altresì valido questo titolo per la partecipazione?

Risposta al quesito 17. Il festival indicato è valido ai sensi della partecipazione all’Avviso.

 

Quesito 18. In merito al bando “Progetto Memoria 2016″, vorrei chiedere, per quanto riguarda i requisiti professionali che deve avere il regista, è sufficiente che sia diplomato in regia presso una delle scuole in elenco, non deve anche avere un’opera selezionata in uno dei Festival elencati? Basta uno dei due requisiti ?

Risposta al quesito 18. Basta uno dei requisiti.

 

Quesito 19. Ho un master in media production conseguito presso l’imperial college di Londra e un corto di cui ho curato la fotografia ha vinto il premio della giuria della sezione Italiana.Corti al Torino Film Festival 2015 (titolo La dolce casa). Sapreste dirmi se questi requisiti soddisfano quelli necessari alla partecipazione al bando per il profilo regista?

Risposta al quesito 19. L’Avviso stabilisce all’art. 3 i requisiti per la partecipazione e quindi che il regista abbia un diploma in regia, e non in produzione, e che l’opera selezionata ad uno dei festival si riferisca all’autorialità.

 

Quesito 20. Vorremmo per cortesia sapere se si può fare la richiesta con una ditta individuale. Un’altra cortesia: non trovo l’allegato 1 con la domanda di partecipazione all’indagine di mercato.

Risposta al quesito 20. L’operatore economico può essere un singolo professionista oppure una ditta individuale. Evidenziamo comunque come il singolo professionista o la ditta individuale debbano avere tra le proprie attività la produzione audiovisiva e cinematografica.

L’allegato 1 è scaricabile in doc, al link dove legge l’Avviso. Non esiti a contattarci in caso di problemi.

 

Quesito 21. Vorrei sapere se posso partecipare quest’anno, letti alcuni aspetti della figura del Regista. Io non ho i titoli presenti nel bando (CSC, Nuct  etc etc), ma posseggo un diploma di regia Digital Video Director, conseguito nel 2005, con votazione 30/30 e un film di diploma. Il corso era prodotto dalla Regione Lazio, dalla società Digital Desk e dall’Università Roma La Spienza. Posseggo tutti gli attestati, i cfu conseguiti e le materie trattate.

Inoltre il mio corto di diploma è stato selezionato in svariati festival, ma non in quelli in elenco da bando.

Il corto, titolato “XXXXXXX”, è stato selezionato al Tuscia Film Fest nel 2006, all’Orvieto Corto Fest nel 2006, si è aggiudicato un attestato di merito al festival del cortometraggio universitario Unishort nel 2007 e in molte altri festival minori, anche fuori dai confini nazionali.

Inoltre, in caso di vittoria del bando, avremmo previsto di affiancarmi un regista professionista e di fama come supervisor di regia.

Risposta al quesito 21. Con riferimento al titolo da lei posseduto, si conferma l’ammissibilità per la partecipazione all’Avviso in oggetto. Il possesso di uno dei requisiti elencati all’art. 3 per la la figura del regista costituisce parametro di ammissibilità.

 

Quesito 22. Nel bando è specificato che ogni operatore economico può partecipare con 3 idee ma con un solo regista ma non mi è chiaro invece se il regista deve anche essere necessariamente autore delle proposte presentate. Quindi la mia domanda è: può l’operatore economico presentare una domanda che preveda un solo regista ma 3 autori di 3 diversi trattamenti?

Risposta al quesito 22. L’autore può essere differente rispetto al regista, che invece deve essere sempre lo stesso e deve rispondere ai requisiti di cui all’art. 3 dell’Avviso.

 

Quesito 23. In merito al nuovo bando PROGETTO MEMORIA 2016, chiedo se sono ammissibili progetti in VR (virtual reality) quindi pensati e realizzati non per una fruizione bidimensionale ma in realtà virtuale.

Risposta al quesito 23. La distribuzione delle opere realizzate avverrà sul web, e pertanto progetti in VR non potranno essere ammissibili.

 

Quesito 24. In riferimento all’Avviso Pubblico “RELATIVO AD UNA INDAGINE DI MERCATO PER LA PRODUZIONE ESECUTIVA DI 9 OPERE DI FICTION O DOCUFICTION NELL’AMBITO DELL’ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO RAFFORZATO “BENI ED ATTIVITÀ CULTURALI” – CUP B32F14000250001″ avrei bisogno delle seguenti informazioni:

  • l’istanza di partecipazione primo capoverso recinta quanto segue:
    “La sottoscritta ………….., nata a …… il …………….. codice fiscale n. ……………… domiciliato per la carica presso la sede dell’operatore economico ove appresso, nella sua qualità di __________________________ e legale rappresentante di……………”
    Dove viene indicato “nella sua qualità di” cosa andrebbe indicato??
  • Il periodo di validità dell’offerta va espresso in giorni??

Risposta al quesito 24. Nell’istanza va indicato il ruolo di colui che istruisce la pratica, e quindi se corrispondente al legale rappresentante non va indicato. Il periodo di validità deve essere indicati in giorni, considerato che viene espressamente esplicitato che non potrà essere inferiore a 120 giorni.

 

Quesito 25. Si può candidare un progetto in forma di sceneggiatura? Rispettando la lunghezza delle pagine indicata nel bando. O è obbligatoria la forma del trattamento?

Risposta al quesito 25. Per partecipare all’Avviso in oggetto va presentata la documentazione come previsto dall’art. 4 del Bando.

 

Quesito 26. Riguardo alla certificazione di partecipazione ai Festival come elemento validante va bene un auto certificazione con allegata la Carta d’identità?

Risposta al quesito 26. Sì, va bene.

 

Quesito 27. Vorremmo sapere se è necessaria la rendicontazione delle spese e se la Apulia Film Commission finanzia in toto il corto, come sembrerebbe dal fatto che la proprietà diviene totalmente della Film Commission, o se compartecipa in percentuale alle spese.

Vorremmo inoltre sapere se la proprietà intellettuale dell’opera resta comunque degli autori, e se sia possibile non inserire il filmato on line prima di eventuali passaggi a festival, ossia se sia possibile concordare con Voi le modalità di una eventuiale distribuzione.

Risposta al quesito 27. Le modalità di pagamento sono meglio precisate all’art. 6 dell’Avviso, che si riporta per estratto in coda. Si precisa che occorre inviare fattura, essendo affidato il servizio di produzione esecutiva, e quindi non si dovrà produrre la rendicontazione.

Quanto alla distribuzione del prodotto questa sarà in capo alla Fondazione AFC e concordata con le produzioni.
Restiamo a disposizione per ogni informazione.

Il pagamento avverrà dietro presentazione di regolare fattura con le seguenti modalità: 100% a saldo con l’ultimazione delle attività previste a seguito dell’attestato di regolare esecuzione.

Il corrispettivo sarà pagato entro 30 (trenta) giorni dalla ricezione delle fatture in originale. Nulla sarà dovuto dalla Fondazione Apulia Film Commission in caso di ritardo del pagamento delle fatture dovuto a cause ad essa non imputabili (ad esempio, il mancato trasferimento delle risorse necessarie da parte dei soggetti preposti).

È data facoltà a ciascun operatore selezionato di chiedere un’anticipazione del 50% dell’importo stabilito dietro presentazione della relativa fattura e di fideiussione a garanzia della somma anticipata.