News
13/01/2017

“Niccolò Ammaniti: la parola diventa immagine” è il titolo dell’incontro che martedì 17 al Cineporto di Foggia vedrà protagonista lo scrittore e sceneggiatore romano

Niccolò Ammaniti

Lo scrittore Niccolò Ammaniti, Premio Strega nel 2006 col romanzo “Come Dio comanda” (Mondadori) e autore di altri straordinari libri, sarà ospite martedì 17 a partire dalle 17 del Cineporto di Foggia (ingresso libero). L’incontro dal titolo “Niccolò Ammaniti: la parola diventa immagine”, realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Foggia, nasce in concomitanza della presenza dello scrittore e sceneggiatore romano alla cerimonia di consegna della Laurea ad Honorem in Lettere che riceverà dal Rettore dell’Università di Foggia Maurizio Ricci.

Per l’occasione Apulia Film Commission ha organizzato un doppio appuntamento che si aprirà, martedì 17 alle 17, con un incontro in cui Ammaniti risponderà alle domande del giornalista e componente del CdA di Apulia Film Commission Fabio Prencipe. A seguire, alle 18.30, proiezione di “Io non ho paura” di Gabriele Salvatores, film del 2003 ispirato all’omonimo romanzo dello scrittore. A chiudere la serata, alle 20.30, proiezione di “The good life” (2014), documentario che ha segnato l’esordio alla regia di Ammaniti.

Sempre al Cineporto di Foggia, giovedì 19 a partire dalle 18.30, l’omaggio ad Ammaniti prosegue con la proiezione del film “Io e te” di Bernardo Bertolucci (2012) e, alle 20.30, con la visione di “Come Dio comanda” di Gabriele Salvatores (2008).

L’attività di Niccolò Ammaniti inizia, nel 1994, con la pubblicazione del suo primo romanzo “Branchie” (editrice Ediesse), poi ripubblicato nel 1997 per Einaudi Stile Libero. Dopo la pubblicazione di “Nel nome del figlio”, un saggio sui problemi dell’adolescenza scritto insieme al padre Massimo, pubblica per Mondadori la raccolta di racconti “Fango” e “Ti prendo e ti porto via”.

Con il suo romanzo successivo, “Io non ho paura” (Einaudi Stile Libero, 2001), vince il Premio Viareggio, mentre cinque anni dopo con il romanzo “Come Dio comanda” (Mondadori) vince il Premio Strega, cui segue “Io non ho paura”, un ideale dittico sul rapporto padre-figlio. Nel 2009 pubblica il romanzo “Che la festa cominci”, nel 2010 “Io e te”, nel 2012 la raccolta di racconti “Il momento è delicato”, tutti per Einaudi Stile Libero. Risale all’anno scorso la pubblicazione del suo settimo romanzo dal titolo “Anna”.

Dai suoi libri, infine, sono stati tratti al momento cinque film: “L’ultimo capodanno” di Marco Risi (1998); “Branchie” di Francesco Ranieri Martinotti (1999); “Io non ho paura” e “Come Dio comanda” entrambi diretti da Gabriele Salvatores (2003 e 2008); “Io e te” (di Bernardo Bertolucci (2012). Nel 2014 è uscito in Dvd per Feltrinelli “The Good Life”, il suo primo documentario da regista.

 

13/01/2017

“Keplero 452B”, quinto episodio di “Past Forward”, è online su Repubblica TV

Con “Keplero 452B” di Lorenzo Manisco, quinto dei nove cortometraggi della webserie “Past Forward” prodotti da Apulia Film Commission, il progetto si concentra sugli Anni 2000 per raccontare una vicenda che vede protagonista il grande sogno di una bambina di otto anni. “Keplero 452B”, che a partire da venerdì 13 gennaio è online su Repubblica TV, è interpretato da Sofia Lucia Alessio, Annamaria Colomba e Alessandra Crocco.

La storia è incentrata sulla piccola Nina, che sogna di diventare astronauta per fuggire sul pianeta Keplero 452b, un gemello della terra, ma l’incontro con l’enigmatica signora Kappa le fa cambiare prospettiva sulle sue difficoltà.

“Past Forward” è una webserie di 9 episodi sull’identità di una terra viva, crocevia di storie senza tempo che dal passato attraversano il presente per diventare futuro. La Puglia, luogo di incontri e mancanze, derive e approdi, società di uomini e donne in evoluzione lungo tracce, storie e culture.

Un flusso di coscienza attraverso 90 anni di storie, un viaggio dal passato nel futuro, dal 1970 al 2050, in 9 opere, 1 per decennio. Un puzzle di riflessioni attraverso miti del passato, sogni del presente e incubi sul futuro. Un esperimento di libertà espressiva e creativa assoluta, che attraverso stili, linguaggi e punti di vista radicalmente differenti mostra una sintesi tra passato, presente e futuro della Puglia, del Meridione e, quindi, dell’Italia tutta.

“Past Forward” è un progetto finanziato a valere su risorse dell’Accordo di Programma Quadro Rafforzato “Beni ed Attività culturali” – Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2007/2013, coerenti PO FESR 2007/2013.

L’episodio è visibile su https://goo.gl/5Ha79W

La serie completa è visibile su http://video.repubblica.it/webseries/past-forward

 

 

11/01/2017

Giovedì 12 gennaio riprende Realtà.doc al Cineporto di Foggia con una masterclass di Alessandro Piva

LocandinaDueSiciliePiccola1-240x360

Dopo la pausa natalizia, giovedì 12 gennaio al Cineporto di Foggia, riprende “Realtà.doc”, la rassegna sul cinema documentario finanziata da Apulia Film Commission che ha il fine di promuovere iniziative per la diffusione della cultura cinematografica. Diretta da Annalisa Mentana e del regista Luciano Toriello, “Realtà.doc” è un’occasione di dibattito sull’evoluzione del genere documentario, in modo particolare in Italia, attraverso incontri con registi e autori sulle nuove possibili frontiere del racconto e della rappresentazione della realtà attraverso il grande schermo.

Dopo l’appuntamento del 20 dicembre scorso con “Liberami” di Federica Di Giacomo, la rassegna prosegue con un doppio appuntamento, pomeridiano e serale, che vedrà come protagonista il regista David di Donatello, Alessandro Piva.

A partire dalle 19.30, nella sala proiezioni del Cineporto di Foggia, Piva terrà una masterclass dal titolo “Il documentario e il materiale d’archivio: il reperimento e la gestione delle fonti fotografiche e filmiche”.

Seguirà, alle 20.30, la proiezione di “Due Sicilie”, film di recentissima uscita e già premiato come Miglior documentario nell’ambito dello Sciacca Film Fest 2016. Il film, prodotto da Seminal Film in collaborazione con Istituto Luce, MIBACT e Regione Sicilia, racconta la Sicilia come era e com’è, in un intreccio di nuovo e di antico che si rincorrono, si sovrappongono, si sfidano.

I paesaggi, la natura, le arti, i mestieri e lo svago scorrono sullo schermo che si fa a colori e torna in bianco e nero, senza sosta, senza paura o vergogna, al ritmo delle stagioni e delle voci del popolo che gridano che la Sicilia è davvero cambiata ma, in fondo, è sempre la stessa. Come dichiara il regista: “Due Sicilie nasce dall’idea di stratificare i repertori su un’isola così ricca di suggestioni, per consegnare all’osservatore di domani una testimonianza sull’eterno, immutabile divenire dell’essere umano e dell’ambiente che lo circonda”.

A seguire la proiezione, Alessandro Piva converserà con Giovanni Rinaldi.

“Realtà.doc” è una rassegna finanziata da Apulia Film Commission, nell’ambito del progetto Cineporti di Puglia a valere su risorse del POR Puglia FESR 2014-2020 Obiettivo tematico 6”.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito.

Cineporti di Puglia/Foggia si trova al km 2,00 di via San Severo.

Per info: realta.doc@gmail.com | www.facebook.com/realtadoc

 

 

02/01/2017

Registrazione degli operatori economici su Empulia

La Fondazione Apulia Film Commission comunica che, a partire da gennaio 2017, tutte le procedure ad evidenza pubblica per l’acquisizione di lavori, forniture e servizi saranno gestite direttamente sul portale di EmPULIA, ai sensi della normativa regionale vigente.

Invitiamo, pertanto, tutti gli operatori economici interessati ad iscriversi sul portale EmPULIA: http://www.empulia.it/tno-a/empulia/Empulia/SitePages/Registrazione%20Operatore%20Economico.aspx nella categoria merceologica di appartenenza. L’iscrizione è gratuita e avviene esclusivamente on line mediante apposizione di firma digitale divenendo effettiva all’incirca dopo 20 giorni dalla data di richiesta.

Per qualsiasi dubbio o informazione sulle modalità di iscrizione, potete contattare l’help desk di EmPULIA al numero 800900121 dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00 o inviare una mail all’indirizzo helpdesk@empulia.it.

23/12/2016

Su Repubblica Tv è online “Come again mr. Babylon” | Secondo episodio di “Past Forward”

image002

Per un gruppo di amici il reggae non è solo musica, ma una scelta di vita. Erano gli Anni ‘80 e Bari si costituiva la formazione dei Different Stylee, che sarebbe poi diventata uno dei punti di riferimento del movimento reggae italiano. A trent’anni anni da quella magica esperienza la formazione, con Sandro Biallo, Nico Caldarulo, Antonella Di Domenico (Rosapaeda), Gianluca Iodice, Rosy Lombardini, Lello Monaco, Mimmo Pizzutilo,Enrico Trillo e Amedeo Vox, si è ritrovata per suonare nuovamente insieme e raccontare l’inizio di questa straordinaria storia.

E’ quanto si racconta del cortometraggio “Come again mr Babylon” di Mariangela Barbanente, secondo dei nove episodi della webserie “Past Forward” prodotti da Apulia Film Commission che a partire da venerdì 23 è online su Repubblica TV.

Dopo l’ottimo riscontro del cortometraggio “Iaco” di Alessandro Zizzo, dedicato al calciatore bandiera del Taranto calcio Erasmo Iacovone e ambientato negli Anni ‘70, con il film breve “Come again mr Babylon” si punta l’attenzione sugli Anni ’80, attraverso l’esperienza musicale e di vita di un gruppo di musicisti baresi.

“Past Forward” è una webserie di 9 episodi sull’identità di una terra viva, crocevia di storie senza tempo che dal passato attraversano il presente per diventare futuro. La Puglia, luogo di incontri e mancanze, derive e approdi, società di uomini e donne in evoluzione lungo tracce, storie e culture.

Un flusso di coscienza attraverso 90 anni di storie, un viaggio dal passato nel futuro, dal 1970 al 2050, in 9 opere, 1 per decennio. Un puzzle di riflessioni attraverso miti del passato, sogni del presente e incubi sul futuro. Un esperimento di libertà espressiva e creativa assoluta, che attraverso stili, linguaggi e punti di vista radicalmente differenti mostra una sintesi tra passato, presente e futuro della Puglia, del Meridione e, quindi, dell’Italia tutta.

“Past Forward” è un progetto finanziato a valere su risorse dell’Accordo di Programma Quadro Rafforzato “Beni ed Attività culturali” – Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2007/2013, coerenti PO FESR 2007/2013.

Come again mr. Babylon è visibile su http://video.repubblica.it/webseries/past-forward/episodio-2-1980-bari-il-reggae-l-occupazione-la-giungla/263223/263587?ref=HRESS-4

Trailer su https://www.youtube.com/watch?v=lgjTkw2L3lE

Extra con interviste a interpreti e autori su https://www.youtube.com/watch?v=EPydvsQae6Q

 

21/12/2016

Antonio Parente è il nuovo Direttore Generale della Fondazione Apulia Film Commission

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Apulia Film Commission riunitosi ieri, martedì 20 dicembre 2016, ha preso atto della volontà del suo Presidente Maurizio Sciarra di voler riprendere la piena funzionalità della Fondazione, interrompendo l’interim della carica di Direttore Generale da lui ricoperta in questi mesi. Il CdA, quindi, ha nominato Antonio Parente nuovo Direttore generale della Fondazione Apulia Film Commission.

L’individuazione all’unanimità di Antonio Parente scaturisce dall’esperienza da questi anni maturata all’interno di AFC come Responsabile dei Cineporti di Puglia. La scelta, infatti, si inquadra nel complessivo lavoro di valorizzazione delle risorse interne che è caratteristica di Apulia Film Commission. Parente resterà in carica fino alla scadenza del mandato del Consiglio di Amministrazione di AFC, prevista per febbraio 2019.

La fiducia del Consiglio di Amministrazione che mi ha affidato un ruolo così importante per il progresso dell’industria e dei talenti dell’audiovisivo pugliese – commenta Parente -, mi riempie di responsabilità e di orgoglio. Ci aspettano anni di grande trasformazione del mercato, cui dovremo rispondere con lucida prontezza che affronterò con il fattivo contributo della struttura tutta”.

Il presidente Maurizio Sciarra, congratulandosi con Parente, ha dichiarato: “Quello che fa grande Apulia Film Commission sono le competenze, professionalità e intelligenze dei suoi collaboratori. Tra le nuove sfide che la Regione ci pone c’è quella di far crescere la nostra presenza sui territori, oltre che consolidare e rafforzare il sostegno all’industria audiovisiva. Un intelligente lavoro di squadra che sappia valorizzare le doti di ciascuno e che armonizzi la nostra azione, potrà permetterci di innovare e rendere al passo con i tempi la nostra progettualità. Questo è il compito che il CdA da me presieduto ha consegnato al nuovo Direttore Generale

20/12/2016

Federica Di Giacomo al Cineporto di Foggia per “Realtà.doc”

locandina

Nuovo appuntamento, martedì 20 dicembre al Cineporto di Foggia con “Realtà.doc”, la rassegna sul cinema documentario finanziata da Apulia Film Commission che ha il fine di promuovere iniziative per la diffusione della cultura cinematografica. Diretta da Annalisa Mentana e del regista Luciano Toriello, “Realtà.doc” è un’occasione di dibattito sull’evoluzione del genere documentario, in modo particolare in Italia, attraverso incontri con registi e autori sulle nuove possibili frontiere del racconto e della rappresentazione della realtà attraverso il grande schermo.

Dopo l’appuntamento inaugurale del 6 dicembre scorso con “Revelstoke” di Nicola Moruzzi, la rassegna prosegue con una giornata dalle tematiche di grande spessore socio-antropologico, quali le possessioni, le ossessioni, la presenza del demoniaco nel quotidiano.

Alle 20.30, la proiezione di “Liberami” della regista Federica Di Giacomo, che sarà presente in sala. Il film, prodotto da MIR Cinematografica e Rai Cinema, premiato tra l’altro come Miglior film per la sezione “Orizzonti” della 73ª Mostra del Cinema di Venezia e da poco vincitore del Festival de Cine Italiano de Madrid, racconta il ritorno dell’esorcismo nel mondo contemporaneo. Ogni anno sempre più persone chiamano “possessione” il loro malessere, in Italia, in Europa, nel mondo. Padre Cataldo, protagonista del documentario, è un veterano, tra gli esorcisti più ricercati in Sicilia e non solo, celebre per il carattere combattivo ed instancabile.

Ogni martedì Gloria, Enrico, Anna e Giulia seguono, insieme a tantissimi altri, la messa di liberazione di padre Cataldo e cercano la cura ad un disagio che non trova altrove risposte né etichette. “Liberami” è proprio la storia dell’incontro fra la pratica esorcista e la vita quotidiana dove i contrasti tra antico e contemporaneo, religioso e profano, risultano a tratti inquietanti a tratti esilaranti.

A seguire la proiezione, Federica Di Giacomo converserà con Antonella Gaeta, sceneggiatrice e giornalista culturale per “la Repubblica”.

“Realtà.doc” è una rassegna finanziata da Apulia Film Commission, nell’ambito del progetto Cineporti di Puglia a valere su risorse del POR Puglia FESR 2014-2020 Obiettivo tematico 6”.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito.

Cineporti di Puglia/Foggia si trova al km 2,00 di via San Severo.

Per info: realta.doc@gmail.com

facebook: www.facebook.com/realtadoc

 

16/12/2016

Da oggi su Repubblica Tv il primo dei nove episodi della webserie “Past Forward” prodotti da Apulia Film Commission

image002

Con il cortometraggio “Iaco” di Alessandro Zizzo, dedicato al calciatore bandiera del Taranto calcio Erasmo Iacovone, da oggi (venerdì 16) Repubblica Tv pubblicherà online il primo dei nove cortometraggi della webserie “Past Forward”, prodotti da Apulia Film Commission.

“Past Forward”, infatti, è una webserie di 9 episodi sull’identità di una terra viva, crocevia di storie senza tempo che dal passato attraversano il presente per diventare futuro. La Puglia, luogo di incontri e mancanze, derive e approdi, società di uomini e donne in evoluzione lungo tracce, storie e culture.

Un flusso di coscienza attraverso 90 anni di storie, un viaggio dal passato nel futuro, dal 1970 al 2050, in 9 opere, 1 per decennio. Un puzzle di riflessioni attraverso miti del passato, sogni del presente e incubi sul futuro. Un esperimento di libertà espressiva e creativa assoluta, che attraverso stili, linguaggi e punti di vista radicalmente differenti mostra una sintesi tra passato, presente e futuro della Puglia, del Meridione e, quindi, dell’Italia tutta.

Dopo la messa di domani del film breve “Iaco” di Alessandro Zizzo, la programmazione di Repubblica Tv prosegue con la visione di “Come again mr. Babylon” di Mariangela Barbanente (23 dicembre), “Road to Trip” di Claudio D’Elia (30 dicembre), “Erma” di Luciano Toriello (6 gennaio), “Keplero 452B” di Lorenzo Manisco (13 gennaio), “Vendesi Salento” di Davide Barletti (20 gennaio), “Polis Nea” di Pierluigi Ferrandini (27 gennaio), “Concetta” di Marta Palazzo (3 febbraio) e “Taras 2050” di Giovanni Vaccarelli (10 febbraio).

“Past Forward” è un progetto finanziato a valere su risorse dell’Accordo di Programma Quadro Rafforzato “Beni ed Attività culturali” – Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2007/2013, coerenti PO FESR 2007/2013.

 

14/12/2016

“Iaco” di Alessandro Zizzo in anteprima giovedì 15 alle 20:30 al Teatro Tatà di Taranto

Erasmo Iacovone

Ci sono degli eroi che continuano a vivere nei nostri ricordi: uno di questi è sicuramente Erasmo Iacovone. Calciatore di indubbie qualità tecniche, ricopriva il ruolo di attaccante, e di straordinaria umanità, Iacovone divenne il simbolo della squadra ionica e dell’intera città. Dopo la sua scomparsa, avvenuta nel 1978 a soli 25 anni a causa di un incidente stradale, lo stadio tarantino venne ribattezzato Iacovone.

Alla figura del portabandiera del Taranto calcio è dedicato “IACO” di Alessandro Zizzo, il primo dei nove episodi della webserie “Past Forward”, realizzati da altrettanti registi pugliesi e prodotti da Apulia Film Commission.

Il film sarà proiettato in esclusiva, giovedì 15 alle 20.30 (ingresso libero), al teatro Tata’ di Taranto alla presenza del regista Alessandro Zizzo e del cast: Angelo Argentina (nel ruolo di Iacovone), Cosimo Cinieri, Fabio Ferrara (per la prima volta sullo schermo), Paolo Lippolis, Giorgio Consoli, Piero Buzzacchino e Mara Spinelli.

Alla visione, inoltre, saranno presenti il presidente di Apulia Film Commission, Maurizio Sciarra, e la squadra del Taranto calcio al gran completo con in testa l’allenatore Fabio Prosperi.

“Past Forward” è una webserie di 9 episodi sull’identità di una terra viva, crocevia di storie senza tempo che dal passato attraversano il presente per diventare futuro. La Puglia, luogo di incontri e mancanze, derive e approdi, società di uomini e donne in evoluzione lungo tracce, storie e culture.

Un flusso di coscienza attraverso 90 anni di storie, un viaggio dal passato nel futuro, dal 1970 al 2050, in 9 opere, 1 per decennio. Un puzzle di riflessioni attraverso miti del passato, sogni del presente e incubi sul futuro. Un esperimento di libertà espressiva e creativa assoluta, che attraverso stili, linguaggi e punti di vista radicalmente differenti mostra una sintesi tra passato, presente e futuro della Puglia, del Meridione e, quindi, dell’Italia tutta.

“Past Forward” è un progetto finanziato a valere su risorse dell’Accordo di Programma Quadro Rafforzato “Beni ed Attività culturali” – Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2007/2013, coerenti PO FESR 2007/2013.

 

13/12/2016

Felice Laudadio è il nuovo presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia

Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini - acquisito il parere largamente positivo delle Commissioni Cultura di Camera e Senato – ha nominato il direttore artistico del Bif&st Felice Laudadio presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma che governa la Scuola Nazionale di Cinema e la Cineteca Nazionale. La commissione Cultura della Camera ha espresso il proprio parere il 28 novembre con 26 voti a favore su 26 votanti, quella del Senato il 23 novembre con 12 voti favorevoli e uno contrario, tre astenuti, tre schede bianche. Fra i predecessori di Laudadio alla guida del CSC – una delle più antiche e prestigiose scuole di cinema del mondo creata 80 anni fa da Alessandro Blasetti – si ricordano fra gli altri, ma non in questa successione, i registi Roberto Rossellini e Lina Wertmüller, il produttore Alfredo Bini, il sociologo Francesco Alberoni, i critici Umberto Barbaro, Orio Caldiron, Luigi Chiarini, Giovanni Grazzini, Lino Micciché, lo sceneggiatore Stefano Rulli.

Ringrazio il ministro Franceschini per il delicato incarico conferitomi in quanto autore cinematografico e organizzatore culturale di lungo corso – ha dichiarato Laudadio – e ringrazio le commissioni parlamentari e, per il lavoro svolto, il C.d.A. uscente. Assumo un ruolo di servitore dello Stato che mi onora e che comporta, anche alla luce della nuova legge di sistema sul cinema, obblighi di gestione e di progettazione innovative in misura sempre crescente, così come sono in crescita inarrestabile le tematiche, le ricerche (sperimentali e non) e le tecnologie legate ai nuovi linguaggi del cinema, alla nuova multimedialità, all’editoria, ai modi di produzione e di fruizione delle opere audiovisive decisamente diversi che in passato. Dunque inestricabilmente connessi a sempre più urgenti e necessari adeguamenti dei canoni dell’alta formazione professionale e artistica dei nuovi autori, e dei nuovi cineasti più in generale, e di una più ampia diffusione della cultura cinematografica per un nuovo pubblico”.

Giornalista professionista, critico di cinema e televisione, produttore e sceneggiatore, Felice Laudadio ha una lunga esperienza di manager culturale e di ideatore e direttore di manifestazioni e festival cinematografici.

Dal 2009 dirige il Bif&st-Bari International Film Festival, da lui ideato, prodotto per la Regione Puglia dall’Apulia Film Commission, per il quale ha realizzato dal 2009 a oggi affollatissime “Lezioni di cinema” tenute da prestigiose personalità della settima arte quali Jean-Jacques Annaud, Luis Bacalov, Costa-Gavras, Stephen Frears, Abbas Kiarostami, John Madden, Alan Parker, Michael Radford, Edgar Reitz, Barbara Sukowa, Bertrand Tavernier, Max von Sydow, Margarethe von Trotta, Andrzej Wajda; e Gianni Amelio, Francesca Archibugi, Marco Bellocchio, Claudia Cardinale, Sergio Castellitto, Liliana Cavani, Cristina Comencini, Roberto Faenza, Dante Ferretti, Giancarlo Giannini, Fabrizio Gifuni, Ugo Gregoretti, Tonino Guerra, Virna Lisi, Francesco Maselli, Giuliano Montaldo, Laura Morante, Nanni Moretti, Ennio Morricone, Ornella Muti, Sandro Petraglia, Nicola Piovani, Michele Placido, Francesco Rosi, Sergio Rubini, Ettore Scola, Toni Servillo, Paolo Sorrentino, Paolo e Vittorio Taviani, Giuseppe Tornatore, Luciano Tovoli, Armando Trovajoli, Carlo Verdone, Paolo Virzì; oltre ad imponenti retrospettive e tributi dedicati a Fanny Ardant, Carmelo Bene, Andrea Camilleri, Orazio Costa, Valerio De Paolis, Federico Fellini, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, Fritz Lang, Marcello Mastroianni, Mariangela Melato, Elio Petri, Domenico Procacci, Francesco Rosi, Ettore Scola, Alberto Sordi, Giuseppe Tornatore, Dalton Trumbo, Gian Maria Volonté. Per il Bif&st 8½ (21-29 aprile 2017) lavora dall’aprile scorso alla selezione dei film e alla preparazione di una vastissima retrospettiva consacrata a Vittorio Gassman e Dino Risi e di due tributi dedicati a Nino Rota e a Jacques Perrin.

Laudadio è già stato in passato amministratore delegato dell’Istituto Luce nel 1994 e presidente di Cinecittà Holding dal 1999 al 2002. Ha ideato nel 1999 e fondato nel 2004 la Casa del Cinema di Roma che ha diretto fino al 2011. Ha ideato e progettato per la Regione Puglia, a Mola di Bari dove è nato il 25 aprile 1944, il Polo del cinema digitale, un centro d’eccellenza d’alta formazione di durata triennale per sceneggiatori, registi, produttori, direttori della fotografia, tecnici, da specializzare nelle nuove tecnologie dell’audiovisivo. Il progetto, finalizzato anche al recupero e restauro di Palazzo Roberti-Alberotanza di Mola, uno splendido edificio settecentesco in degrado, è attualmente sospeso.

Ha diretto la Mostra del Cinema di Venezia (1997-98) e subito dopo il TaorminaFilmFest (1999-2006). Ha ideato e diretto il MystFest (1979-1986), il festival EuropaCinema (1984-2009), il Premio Saint-Vincent per il cinema italiano (Grolle d’Oro, 1990-2001), il Premio Fellini, il Premio Solinas, l’ItaliaFilmFest, la sezione europea del Palm Springs International Film Festival in California e altre manifestazioni in America Latina e a Strasburgo e Bruxelles. È stato il direttore artistico del Carnevale di Venezia (2003-2004). Nel 2007 ha progettato e diretto il RomaFictionFest.

Ha scritto e prodotto il film Il lungo silenzio (3 premi al Festival di Montréal e 3 Globi d’oro) e cosceneggiato La promessa (candidato dalla Germania al Premio Oscar), entrambi diretti da Margarethe von Trotta, e ha coprodotto per l’Istituto Luce una dozzina di film diretti fra gli altri da Theo Angelopoulos, Marco Bellocchio, Sergio Citti, Luigi Magni, Michele Placido, Ettore Scola. È stato il produttore associato del film Al di là delle nuvole di Michelangelo Antonioni e Wim Wenders. Nel 2001 ha ideato e prodotto per Cinecittà Holding il primo film italiano girato interamente in digitale, Sei come sei, presentato alla Berlinale. Nel 2013 ha realizzato e prodotto A cavallo di un cavillo, una lunga videointervista con Andrea Camilleri su Orazio Costa.

Ha pubblicato il volume Fare festival e il romanzo Il colore del sangue. Dal 1963 al 1974 ha lavorato per le case editrici Laterza, Dedalo, Mazzotta, Abitare. Dal 1974 al 1983 è stato critico televisivo, capo del servizio spettacoli e inviato culturale de “l’Unità” prima a Milano, poi a Roma. Ha diretto le riviste “Classe”, “Script” e “Cinecittà”. È membro onorario della Fipresci (The International Federation of Film Critics), componente della European Film Academy di Berlino e dell’Accademia del cinema italiano. Dopo la maturità classica al liceo Orazio Flacco si è laureato in Scienze Politiche all’Università di Bari e ha conseguito un Master presso l’Istituto superiore internazionale relazioni pubbliche di Roma.

 

Archivio contenuti123456 » »|