Cineporti di Puglia

Venerdì 1 dicembre al Cineporto di Bari incontro con i docenti dell’Accademia Mediterranea del Cinema

Venerdì 1 dicembre, alle ore 14.00, presso il Cineporto di Bari, AMARCORD – Accademia Mediterranea del Cinema presenterà le attività di formazione in partenza a gennaio 2018: il Corso annuale di montaggio video tenuto da Ugo e Daniel De Rossi e i due workshop L’evoluzione del doppiaggio cantato condotto da Virginia Brancucci e Essere cantattori sotto la guida di Marco Manca.

L’Accademia AMARCORD si prepara ad avviare, dopo pochi mesi dalla sua apertura, nuove e importanti esperienze formative; nella sua nuovissima sede presso il padiglione 138 della Fiera del Levante di Bari lo scorso 28 ottobre, sono partiti i corsi annuali di Sceneggiatura e regia cinematografica e televisiva guidati da Stefano Reali, il Corso di direzione della fotografia condotto da Raffaele Mertes e il Corso di doppiaggio con i docenti Massimo Giuliani, Daniele Giuliani e Tiziana Lattuca.

AMARCORD – Accademia Mediterranea del Cinema, ha scelto di innestare la sua sede in un luogo strategico all’interno dell’area fieristica del capoluogo pugliese, un polo di attrazione per i giovani pugliesi e non solo, interessati a una formazione professionalizzante nel settore cinematografico. La sede dell’Accademia è attrezzata con tecniche e impianti utili allo studio pratico dei mestieri del cinema: dotata di macchine da presa e luci standard per set cinematografico per gli allievi del corso di regia, postazioni Avid per chi frequenterà il corso di montaggio e una sala professionale di doppiaggio.

L’offerta formativa è un’occasione unica nel sud Italia e propone dei corsi altamente professionalizzanti: i corsi di durata annuale (regia, sceneggiatura, direzione della fotografia, montaggio e doppiaggio), saranno affiancati da una serie di workshop (montaggio del suono di presa diretta, composizioni di musica da film, montaggio della musica, adattamento e doppiaggio delle canzoni nei film stranieri, canto per i musical, adattamento dialoghi per il doppiaggio e altri ancora), che offriranno un’ampia scelta a tutti coloro che, in varie modalità, vorranno avvicinarsi al mondo del cinema usufruendo di una formazione professionale.

Sarà possibile, durante la giornata di venerdì 1 dicembre, assistere a una lezione tenuta dal docente Ugo De Rossi, responsabile e docente del Corso annuale di montaggio video in programma il prossimo gennaio. Ugo De Rossi montatore storico di registi come Federico Fellini, Margarethe Von Trotta e Giuseppe Tornatore terrà una lezione aperta al pubblico per dare un assaggio della sua esperienza e dell’attività formativa che andrà a sviluppare durante il corso annuale che si terrà presso l’Accademia del Cinema. Interverranno, oltre Ugo De Rossi, anche Raffaele Mertes, Stefano Reali e Massimo Giuliani rispettivamente docenti dei corsi accademici in Direzione della Fotografia, Regia e sceneggiatura cinematografica e televisiva e Doppiaggio.

Venerdì 1 dicembre il Cineporto di Bari ospiterà alcuni tra i docenti responsabili dei corsi di formazione di Amarcord – Accademia Mediterranea del Cinema. Dopo l’avvio dei corsi in sceneggiatura e regia cinematografica e televisiva, direzione della fotografia e doppiaggio sono aperte le iscrizioni per il Corso di montaggio video e per i workshop L’evoluzione del doppiaggio cantato condotto da Virginia Brancucci e Essere cantattori sotto la guida di Marco Manca.

 

Leonardo Di Costanzo al Cineporto di Lecce per la proiezione de “L’intrusa” nella rassegna Per un canone del cinema italiano

1506354853_lintrusa-poster

Martedì 14 novembre, per la rassegna Per un canone del cinema italiano – di Spaziocineforum e Apulia film Commission – al CineLab del Cineporto di Lecce sarà presentato il film L’intrusa di Leonardo Di Costanzo. La proiezione sarà introdotta e commentata dal regista, presente in sala ospite del Cineporto di Lecce.

 

SINOSSI

Il centro ricreativo di Napoli “la Masseria” è un’oasi di felicità in mezzo al degrado e alle logiche mafiose della città. Le mamme del quartiere ci portano i bambini per sottrarli alle disfunzioni familiari e immergerli nella creatività del gioco. In questa cornice di serenità fanciullesca cerca rifugio e ospitalità per sé e i suoi due bambini Maria (Valentina Vannino), giovanissima moglie di un killer arrestato per l’omicidio di un innocente. L’intrusa crea scompiglio tra gli altri genitori che la considerano il male incarnato. La scelta di Giovanna (Raffaella Giordano), la fondatrice del centro, è la più difficile.

 

CineLab Giuseppe Bertolucci, Vecchia Frigole, 36 – ore 20,30

 

Mappa digitale: http://g.co/maps/e4nsp

 

 

“Immagini Loquaci” al Cineporto di Bari venerdì 10 novembre

Sindrome_Antonio_LOCANDINA

Venerdì 10 Novembre, alle ore 16 c/o il Cineporto di Bari TWIN Associazione Culturale presenta “La sindrome di Antonio” di Claudio Rossi Massimi, co-produzione Imago Film e Draka Production in versione accessibile ai non vedenti nell’ambito del programma “Immagini Loquaci” , percorso formativo per audio-descrittori finalizzato alla resa accessibile per non vedenti e ipovedenti di prodotti audiovisivi, ideato e diretto dal presidente dell’associazione Maria Teresa Vassalli e patrocinato dal Consiglio Regionale Pugliese Unione Italiana Ciechi.

Il film oggetto della prima edizione di Immagini Loquaci è stato “La sindrome di Antonio” per la trama, i paesaggi, gli ambienti e le situazioni che particolarmente si prestano alla realizzazione dell’ audio-descrizione dedicata a spettatori non vedenti e ipovedenti.

La registrazione dello speakeraggio del testo è stata lavorata sia in traccia audio separata (e aggiuntiva), che mixata.

La proiezione del film “La sindrome di Antonio” in modalità accessibile sarà preceduta da un momento didattico per illustrare i processi che sono alla base dell’ audio-descrizione e per presentare al pubblico le relative esperienze sul campo, maturate in itinere.

Questi i nomi del team di audio-descrittori impegnati nella prima edizione del programma “Immagini Loquaci”:

Lorena Carbonara – Carola De Pascale – Roberta Mucci – Maria Grazia Piemontese – Per U.I.C.I. Puglia Rossella Stallone e Antonio Garofalo.

Direttore/coordinatore del progetto: Maria Teresa Vassalli

Voce narrante: Roberta Mucci

Fonico di ripresa – editor audio-descrizione: Angelo Pantaleo

Interverranno: Imago Film; Draka Production e Dirigenti esponenti di U.I.C.I. Puglia e U.I.C.I. Sezione di Bari.

La presentazione dell’evento sarà a cura dell’attrice/presentatrice Daniela Guastamacchia.

Info: direzione@twindoppiaggio.it

 

“Le ultime cose” di Irene Dionisio in programma martedì 31 ottobre al CineLab del Cineporto di Lecce

Continua martedì 31 ottobre, per i martedì del Cineporto di Lecce, nella sala multimediale CineLab Giuseppe Bertolucci (via Vechia Frigole 36, ore 20 – ingresso libero), la rassegna cinematografica Per un canone del cinema italiano organizzata da Apulia Film Commission in collaborazione con Spaziocineforum. In programma il film italiano – presentato alla settimana della critica della 73^ Biennale di Venezia – Le ultime cose di Irene Dionisio (It. 2016).

A Torino, attorno al luogo topico del Banco dei pegni, ruota la disperazione di un’umanità marginale: Sandra (Christina Rosamilia), una giovane trans, vuol vendere la sua pelliccia per ritrovare se stessa; Stefano (Fabrizio Falco), dipendente del Banco, è aspramente osteggiato dal cinico e corrotto capo (Roberto De Francesco); infine Michele (Alfonso Santagata) viene spinto dalla necessità a diventare “socio” dell’equivoco cognato. Tutte queste figure-simbolo di impostazione neo-neorealista raccontano l’ordinato squallore su cui si fonda la divisione burocratica delle esistenze degli ultimi.

Il film della Dionisio introduce il bisturi cinematografico nel corpo malato del sottobosco urbano di una città di oggi, descrivendone miserie, sogni e disincanti con le tinte livide di un’umanità sul punto di perdersi.. Le ultime cose sono quelle impegnate al monte per ritrovare la dignità perduta senza colpa, ma il debito venale non ripagherà il debito morale della giungla umana che chiamiamo città.

La rassegna è finanziata dalla Fondazione Apulia Film Commission nell’ambito del progetto Cineporti di Puglia, su risorse della Regione Puglia e Unione Europea con fondi POR Puglia 2014-2020

 

“Via della Felicità” di Martina di Tommaso al Cineporto di Bari giovedì 2 novembre

via-della-felicità-sito-nuovo-520x433

Via della Felicità” di Martina di Tommaso, presentato in anteprima mondiale in concorso al 58esimo Festival dei Popoli, sarà proiettato al Cineporto di Bari giovedì 2 novembre alle ore 20.00, alla presenza della regista Martina Di Tommaso che introdurrà il documentario con un saluto in sala a inizio proiezione.

Il racconto di Elisa, che decide di emigrare per cercare un futuro migliore è prodotto da Controra Film con Rai Cinema, con il sostegno dell’Apulia Film Commission e di Siae e Sillumina – copia per i giovani, per la cultura, e distribuito da ZaLab. Il film nasce prima di tutto dall’incontro di due donne: quello fra una madre coraggiosa e la regista Di Tommaso che ha deciso di seguirla per due anni.

Quando ho conosciuto Elisa l’ho seguita all’istante, travolta dalla sua determinazione e dal suo coraggio” afferma la regista.

Elisa ha 36 anni, ed è la madre di Anthony e del piccolo Gabriele. È cresciuta a Enzineto, un quartiere dormitorio del barese e questo le basta per desiderare che i suoi figli non facciano altrettanto. L’unica via della felicità che riesce a vedere è quella dell’espatrio. Affascinata dai racconti della nuova vita di sua sorella, decide di raggiungerla in Germania. Una volta lì, Elisa si scontra con una realtà fredda e complessa, dove il sole tramonta presto e il silenzio amplifica la solitudine, uno strano nuovo mondo in cui lei e i suoi figli faticano a trovare un posto.

Elisa ed io ci siamo riconosciute e scelte a vicenda, con lei ho voluto raccontare l’atto di coraggio di una madre necessario a compiere un salto nel buio verso un altrove incerto” racconta Martina Di Tommaso, che per questo soggetto è stata, fra gli altri, finalista Premio Solinas Documentario, agli Italian Doc Screenings e ha vinto il premio di sviluppo di In Progress del Milano Film Network.

Via della felicità è una fotografia intima e discreta di una famiglia alla ricerca di uno spazio di felicità possibile, un ritratto di una lotta silenziosa, quella che Elisa e i suoi figli hanno dovuto compiere per restare in Germania e non tornare indietro.

Venerdì 29 settembre proiezione di “Bulli a metà” di Davide Mogna al CineLab del Cineporto di Lecce

Dopo il grande successo ottenuto in Piemonte e non solo, “Bulli a metà”, opera prima del regista sedicenne Davide Mogna, arriva in Puglia per un tour organizzato con l’associazione contro il bullismo MaBasta e grazie all’aiuto di Apulia Film Commission.

Il Film

Il film tratta il tema del bullismo, fenomeno purtroppo molto diffuso nelle scuole e in tutti gli ambienti frequentati dai giovani. I protagonisti sono Michele (Davide Mogna) ed Edoardo (Lorenzo Rebufatti), due bulli che, a causa dell’ennesimo atto di violenza perpetrato nei confronti di un’insegnante, vengono espulsi dalla scuola che frequentano ed iscritti ad un altro istituto. Una volta divisi in classi diverse, nuove conoscenze e cambiamenti radicali dello stile di vita metteranno a dura prova la loro amicizia, ma soprattutto permetteranno loro di riconoscere gli errori commessi ed affrontare le nuove situazioni. Pur affrontando tematiche serie, la storia è una commedia brillante, raccontata in modo lieve attraverso gli occhi degli adolescenti protagonisti. Il lungometraggio è stato apprezzato da un pubblico giovane e adulto per la leggerezza con cui invita a riflettere, oltre che per la giovanissima età di chi l’ha realizzato. Davide Mogna, sceneggiatore regista e attore, come altri attori e membri della troupe, ha 16 anni ed una passione innata per il cinema che l’ha portato, dopo alcuni cortometraggi e piccole opere, a realizzare un prodotto molto apprezzato e di grande valore artistico e sociale.

 

Programma delle proiezioni

Venerdì 29 settembre – Matinée | Proiezioni mattutine presso l’Istituto “Enrico Fermi” di Bari. Dopo le proiezioni gli studenti avranno la possibilità di incontrare il regista ed il cast e di discutere con loro sul film e sul tema del bullismo.

Venerdì 29 settembre – Ore 20.30 | Proiezione pubblica al CineLab “Giuseppe Bertolucci” del Cineporto di Lecce, con l’introduzione a cura di MaBasta e del professor Daniele Manni e successivo dibattito con il regista del film.

Sabato 30 settembre – Matinée | Proiezioni mattutine per le scuole di Lecce al Multisala Massimo. Dopo le proiezioni gli studenti avranno la possibilità di incontrare il regista ed il cast e di discutere con loro sul film e sul tema del bullismo.

 

“Infame” di Vincel Spina e Giorgio Franco venerdì 22 settembre al Cineporto di Bari

Al Cineporto di Bari di Apulia Film Commission venerdì 22 settembre alle ore 15:00 ci sarà la proiezione del lungometraggio “Infame”, scritto e diretto da due giovani amanti del cinema, Vincel Spina e Giorgio Franco.

La passione per il cinema di Vincel Spina, diplomato tecnico audiovisivo con esperienze come attore, e Giorgio Franco, appassionato di sceneggiatura, realizzano un lungometraggio interamente girato nella città di Bari. Un film senza scopo di lucro se non quello di valorizzare il territorio e gli attori baresi, sia quelli navigati che quelli alla prima esperienza. Quello che stupisce di questo progetto è appunto la tenacia e il sacrificio di tutti che ha reso possibile e unico questo film. Un plauso va fatto anche agli operatori video che hanno contribuito in maniera decisiva alla lavorazione del film.

Il cast è composto da Vincenzo Spina, che interpreta “Tony” un boss crudo all’apparenza ma sensibile all’amore; Giorgio Franco, l’agente di polizia Giorgio, unico personaggio a credere nella giustizia; infine Francesco Tunzi, nel ruolo di Nicola, carattere imprevedibile, folle, la vera mina vagante del film. Tra gli altri ruoli ci sono Maria Irene Vetrano (nel ruolo di Maria), Simona Rutigliano e Barbara Palumbo che saranno croce e delizia nella vita dei tre protagonisti.

Il cast prevede attori locali conosciuti come Nicola Gravina (nel ruolo di Don Mario, punto di riferimento importante per i 3 protagonisti), Francesco Longo, Pietro Ruscigno, Antonio Todisco, Claudia Loseto e Vincenzo De Guglielmo. Un film molto vero, forte, che racconta le crude sfumature della vita.

L’evento sarà presentato dall’attrice e speaker radiofonica Simona Rutigliano, l’ingresso è gratuito vi aspettiamo per un film made in Bari.

 

“Le cose che verranno” di Mia Hansen-Løve martedì 20 giugno al CineLab del Cineporto di Lecce per “Metafisica del racconto cinematografico”

isabelle1

Ultimo appuntamento martedì 20 giugno alle ore 20,30 con la rassegna di Spaziocineforum Metafisica del racconto cinematografico, organizzata in collaborazione con Apulia Film Commission al Cineporto di Lecce, nella sala multimediale CineLab “Giuseppe Bertolucci”. In programma il film Le cose che verranno di Mia Hansen-Løve, che sarà introdotto da una conversazione di Luca Toracca, attore e socio fondatore del Teatro dell’Elfo di Milano.

Isabelle Huppert è Nathalie, insegnante di filosofia, da 25 anni insieme al marito e due figli, con una madre dal rimpianto passato di modella, malata ed estremamente esigente. E con un’intensa vita intellettuale e un lavoro che ama restando devota a tutto ciò che richiede la sua devozione: i libri, le idee dei suoi studenti e gli studenti stessi. Ma il mondo può crollare da un momento all’altro, e lo fa quando l’amato marito (André Marcon) annuncia di aver conosciuto un’altra donna più giovane con la quale cominciare una nuova vita. È uno shock al quale si aggiungono presto altre catastrofi: muore l’anziana madre, il suo editore di sempre le dà il benservito “per i cambiamenti del mercato” e il suo amato studente Fabien abbandona la teoria, cioè gli studi, per prendere la strada della prassi (anarco-rivoluzionaria) deludendo le sue aspettative.

A questo punto dovrebbe ricominciare; cioè trovare un nuovo partner, una nuova casa editrice, nuovi studenti pupillo; senza contare figli (ormai allontanatisi) e mamma (ormai in cielo). La sua risposta alla situazione è “filosofica”, in linea con una donna fisicamente e mentalmente determinata ed indomita. Ma la forza del pensiero non basta a rivoltare il destino; accade solo pagando la libertà con il prezzo della solitudine. Senza sentimenti, gratificazioni e aspettative, il rotondo, stupendo personaggio della Huppert sopravviverà? O vediamo già calare sulla sua figura l’ombra grigia dei ruoli obbligati?

La presentazione del film è finanziata dalla Fondazione Apulia Film Commission nell’ambito del progetto Cineporti di Puglia, su risorse della Regione Puglia e Unione Europea con fondi POR Puglia 2014-2020

 

Mercoledì 14 giugno proiezione in anteprima di “Mouth of Horror – La Bocca dell’Orrore” al Cineporto di Bari

Locandina The mouth of horror film by Giovanni aloisio

Mouth of Horror – La Bocca dell’Orrore di Giovanni Aloisio è in programma mercoledì 14 giugno alle ore 10.00, in anteprima assoluta presso il Cineporto di Bari di Apulia Film Commission.

La carriera di Giovanni Aloisio, regista barese che ha diretto horror-fantasy ben noti anche all’estero (La Signora Delle Dodici Notti, Phantasma e Nun: An Italian Horror Story) continua ad essere caratterizzata da appuntamenti molto attesi, avvallati dai grandi nomi del cinema fantastico.

Se, infatti, per il precedente NUN – An Italian horror Story si era ‘scomodato’ un regista a dir poco leggendario come George A. Romero, il creatore degli zombies, lasciandosi andare a personali apprezzamenti nei confronti del film-maker pugliese e del suo stile registico, anche l’ultimissimo suo lavoro, uno psycho-thriller dal titolo emblematico, “Mouth of Horror – La bocca dell’orrore” – che verrà presentato a Bari, mercoledì 14 giugno – ha ricevuto il beneplacito di una personalità molto nota, il maestro del genere horror e thriller, Dario Argento.

Quale sia la peculiarità di questi film indipendenti “di genere”, tutti girati in Puglia e che, in qualche modo riescono a fare scuola anche all’estero è lo stesso Aloisio a rivelarcelo: “I miei lavori sono molto distanti dagli splatter, rifuggono dagli effetti grandguignoleschi e da quel sadismo fine a se stesso di molte pellicole horror attuali. Questo tipo di cinema non m’interessa, non mi piace, non ha spessore. Preferisco concentrarmi sulle atmosfere, le emozioni, la psicologia dei personaggi, le paure più profonde ed ancestrali, con una cura particolare per la scrittura. Secondo me non bastano delle buone capacità tecniche ed un po’ di tecnologia per creare dei buoni film, occorre soprattutto ricerca, sperimentazione, capacità di contaminare con la propria personalità i modelli, non limitandosi a “riprodurne” l’estetica ma cercando di coglierne quello spirito pionieristico e libertario che oggi si è un po’ perso”.

Ma da dove nascono le paure di Aloisio? Probabilmente da un episodio accadutogli all’età di nove anni quando, dopo aver visionato più volte un film horror di Mario Bava in una vecchia sala di provincia, si ritrovò da solo, nel cinema completamente chiuso. Un incubo che solo dopo molti tentativi di “fuga” si è risolto scavalcando un cancello altissimo, dove tra l’altro rimase ferito in modo serio. Un ricordo, un trauma infantile che indubbiamente il regista barese riversa e rivive nei suoi lavori, non a caso sempre molto cupi e claustrofobici.

“Mouth of Horror – La Bocca dell’Orrore” è stato scritto da Aloisio ben quindici anni fa, ma solo oggi si sono verificate le condizioni per la sua realizzazione.

È la storia di una giovane donna che si risveglia, ferita e sanguinante, in un posto buio, circondata da cadaveri di altre persone, assolutamente ignara di come sia finita lì. Davanti a lei una grande bocca spalancata, con denti aguzzi, da cui penetra un’intensa luce. Confusa e delirante, incapace di spiegarsi cosa le stia realmente accadendo, si convince sempre di più di essere stata inghiottita da una gigantesca e mostruosa creatura. Sogno o realtà? Tra fantasy ed horror, almeno nelle premesse, in soli venti minuti Aloisio sviluppa una storia avvincente che, pian piano, prende l’inaspettata direzione di un thriller, con le sue ferree logiche ed un colpo di scena finale degno del miglior cinema argentiano.

La proiezione in anteprima assoluta, con ingresso libero, si terrà mercoledì 14 giugno alle ore 10.00, al Cineporto di Bari dell’Apulia Film Commission, presso il Padiglione 180 della Fiera del Levante.

All’evento, con lo stesso regista, saranno presenti il cast tecnico ed artistico: gli intepreti Agata Paradiso, Domenico Tacchio, Celeste Francavilla, Liliana Lepore, Emmanuela Roffo, il direttore della fotografia Romualdo Pecorella, lo scenografo e montatore Armando Mola, la sceneggiatrice Daniela Flaccomio, i professionisti del make-up e dell’hair-styling di Andria dell’Accademia New-Apamf diretta da Luigia Sergio e la fotografa di scena, Raffaella Fasano, autrice del backstage delle riprese.

Fra gli ospiti d’onore, molto atteso Fabio De Nunzio, popolarissimo artista e scrittore, già inviato di “Striscia la notizia”, il gruppo metal The Strigas a cui si deve il brano finale del film ed il musicista/compositore Francesco Tresca, il cui sodalizio artistico con Aloisio è iniziato con le sue precedenti pellicole.

E naturalmente ci sarà – seppur virtualmente – anche lui, il Maestro del brivido, Dario Argento, impegnato in contemporanea a Roma per il ritiro del Globo D’Oro, premio alla carriera assegnatogli dalla stampa estera, con un personale ed esclusivo contributo video dedicato al nuovo lavoro di Aloisio.

La proiezione sarà introdotta dalla giornalista Annamaria Natalicchio.

Ingresso libero, fino ad esaurimento posti.

 

“Paterson” di Jim Jarmusch martedì 13 giugno al CineLab del Cineporto di Lecce per “Metafisica del racconto cinematografico”

maxresdefault-1

Appuntamento martedì 13 alle 20.30 al Cineporto di Lecce, nella sala multimediale CineLab “Giuseppe Bertolucci”, con la rassegna di Spaziocineforum Metafisica del racconto cinematografico, organizzata in collaborazione con Apulia Film Commission. In programma il film Paterson di Jim Jarmusch.

Paterson (Adam Drive) è un autista di autobus della città di Paterson, New Jersey. Il nome condiviso già indica il doppio protagonista del film: un personaggio-poeta e la sua città d’ispirazione (Paterson, una volta centro industriale degli Stati Uniti, per la seta e i tessuti, caduto poi nell’oblio).

Il nostro poeta minimalista, nel film diretto da Jarmusch, vive e descrive in semplici versi la città, praticando una costante, uniforme routine: guida il suo mezzo nel solito percorso, osserva il mondo mentre scorre attraverso il parabrezza; recepisce i frammenti di conversazione dei passeggeri, e nel frattempo scrive poesie su un quadernetto.

Laura è la moglie, invece nevroticamente attiva, che cerca di cambiare il mondo su ispirazione dei sogni quotidiani. Paterson ama Laura che ama lui, e quindi sostiene le sue ambizioni. È tutto qui il film, che osserva tranquillamente lo scorrere del tempo, attraverso un’epifania di piccoli dettagli dall’apparenza insignificante: opera di fantasia, ma con il dono della verità poetica profonda.

La presentazione del film è finanziata dalla Fondazione Apulia Film Commission nell’ambito del progetto Cineporti di Puglia, su risorse della Regione Puglia e Unione Europea con fondi POR Puglia 2014-2020

Archivio contenuti123456 » »|