News
15/03/2018

Lunedì 19 marzo al via al CineLab del Cineporto di Lecce la rassegna “FAI…da set” organizzata in collaborazione con la Delegazione FAI di Lecce

locandina-fai-esec

È stata presentata questa mattina nella sala del CineLab “Giuseppe Bertolucci” del Cineporto di Lecce, la Giornate FAI di Primavera “FAI…da Set”. L’iniziativa è organizzata dalla Fondazione Apulia Film Commission in collaborazione con la Delegazione FAI di Lecce.

All’incontro sono intervenuti: Loredana Capone, assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Adriana Greco Bozzi Colonna, capo delegazione FAI di Lecce, Carlo Salvemini, sindaco di Lecce, Giuseppe Spedicati, direttore del Conservatorio di Lecce, Eugenia Congedo, docente del Conservatorio di Lecce, Ettore Tollemeto, assessore alla Cultura del comune di Nardò, Marcello Amante, sindaco di Galatina, Cristina Dettù, assessore alla cultura Comune di Galatina, e Chiara Coppola, componente del Consiglio di Amministrazione Apulia Film Commission.

“La Puglia del cinema che abbraccia i nostri luoghi e il nostro immenso patrimonio culturale, diventa oggetto di attenzione di produttori che, attraverso i loro film, ci portano in tutto il mondo – ha commentato l’assessore Loredana Capone -. È la base dell’accordo con il FAI per le Giornate di Primavera, in cui il patrimonio culturale della città di Lecce si apre ai visitatori. È un ottimo strumento per far entrare gli spettatori nei luoghi che hanno caratterizzato molte opere cinematografiche girate in Puglia, in particolare a Lecce e la sua provincia”.

Nell’ambito delle iniziative programmate per la XXVI edizione delle Giornata del FAI di Primavera, quindi, la Fondazione Apulia Film Commission in collaborazione la Delegazione FAI di Lecce, sabato 24 e domenica 25, ha organizzato la due giorni “FAI DA SET”, un momento di connessione tra il Cineporto e il tessuto urbano di Lecce e provincia, il cui comune denominatore sarà l’immenso patrimonio culturale visto attraverso gli “occhi del cinema”.

Sarà, quindi, un momento in cui lo spettatore-turista potrà accostare al proprio sguardo il patrimonio storico salentino riflesso nella settima arte. Nelle giornate di sabato 24 e domenica 25, infatti, sarà possibile visitare le location cinematografiche impresse nei film, che verranno proiettati nel CineLab “Giuseppe Bertolucci” del Cineporto di Lecce, da lunedì 19 a venerdì 23 marzo.

All’interno del programma di proiezioni verrà richiamata l’attenzione non solo su le ultime produzioni cinematografiche girate in Puglia, ma anche e, soprattutto, su figure cardine di antropologia cinematografica pugliese quali Adriano Barbano (“Il Tramontana”) e Rina Durante (“Viaggio a Galatina”). A introdurre le proiezioni, dal 19 al 23 marzo CineLab, saranno i personaggi legati ai film come attori e ballerini, ma anche location manager, esperti di cinema e giornalisti.

Apulia Film Commission, inoltre, allestirà la mostra “Scatti di Cinema” curata da Daniele Trevisi. Si tratta di una lunga sequenza di suggestive foto di scena di alcuni momenti delle produzioni cinematografiche girate in Salento, che faranno da cornice ai luoghi aperti durante il weekend. La mostra verrà allestita a Nardò (Castello Acquaviva-Personè, attuale Palazzo di Città, e Chiesa di Santa Teresa), Lecce (Palazzo Tamborino Cezzi e Palazzo Marulli Famularo) e Monteroni di Lecce (Villa Romano).

A inaugurare il ciclo di proiezioni, lunedì 19 al CineLab, saranno i film “Walking on Sunshine” di Max Giwa e Dania Pasquini (alle 18.30) e “Sei mai stata sulla luna?” di Paolo Genovese (alle 20.30). Si prosegue (martedì 20) con “Viaggio a Galatina” di Luigi A. Santoro (alle 19) e “Il Tramontana” di Adriano Barbano (alle 20.30); “Mine vaganti” di Ferzan Ozpetek (mercoledì 21 alle 20.30); “Latin Lover” di Cristina Comencini (giovedì 22 alle 20.30); “Una donna per amica” di Giovanni Veronesi (venerdì 23 alle 20.30).

Nelle due giornate del FAI di Primavera, sabato 24 e domenica 25, sarà possibile visitare le location utilizzate per la realizzazione di alcuni film. L’itinerario Cineturistico, infatti, prevede visite nel Centro Storico di Nardò, (Castello Acquaviva-Personè, attuale Palazzo di Città e Chiesa di Santa Teresa), Galatina (Cappella di San Paolo); Lecce (Abbazia di Santa Maria di Cerrate, Palazzo Tamborino Cezzi, Palazzo Carafa e Palazzo Marulli Famularo; Monteroni di Lecce (Villa Romano).

“Fai…da Set” è prodotto da Apulia Film Commission e finanziato da Regione Puglia e Unione Europea attraverso il Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020 e del P.O.R. Puglia 2014-2020 – Asse VI Obiettivo Tematico 6.7, nell’ambito dell’intervento “Viva Cinema – Promuovere il Cinema e Valorizzare i Cineporti di Puglia”.

12/03/2018

“Essere Gigione – L’incredibile storia di Luigi Ciaravola” apre al Cineporto di Foggia la quarta edizione di “Realtà.doc”

Torna al Cineporto di FoggiaRealtà.doc”, la rassegna sul cinema documentario finanziata da Apulia Film Commission al fine di promuovere iniziative per la diffusione della cultura cinematografica in Puglia.

La quarta edizione della rassegna, che negli ultimi tre anni ha ospitato, tra gli altri, Federica Di Giacomo, Valentina Pedicini, Alex Infascelli, Alessandro Piva, anche per il 2018 conferma la direzione artistica del regista Luciano Toriello e di Annalisa Mentana, ai quali è toccato il compito di selezionare i titoli dei documentari in programmazione presso i Cineporto di Foggia (km 2,00 di via San Severo).

Il primo appuntamento in programma è fissato per giovedì 15 marzo e vede in cartellone un film che già dalla sua uscita, il 18 gennaio 2018, si è affermato come un piccolo cult. Si tratta del documentario “Esssere Gigione – L’incredibile storia di Luigi Ciaravola”, per la regia del beneventano Valerio Vestoso e prodotto da Capetown Film con il sostegno del MIBACT.

Protagonista del documentario, il cui titolo richiama quello di “Essere John Malkovich” (“Being John Malkovich”), scritto da Charlie Kaufman, è Luigi Ciavarola, in arte Gigione: popolarissimo e amatissimo cantante, protagonista da più trent’anni – con i suoi successi che ondeggiano tra il sacro e il profano, tra il doppio senso e la devozione – delle feste di piazza e delle sagre paesane di tutta l’Italia Meridionale e non solo. Sullo sfondo, una provincia italiana raccontata da pochi, ancora desiderosa e capace di divertirsi con semplicità nelle piazze, nelle borgate di campagna.

La serata prevede una doppia proiezione del film: alle 19 e alle 21, mentre alle 20.30 il regista Valerio Vestoso e Gigione, presenti in sala, saranno protagonisti di un talk condotto da Alessandro Licusati, voce di Radio Nova IONS. L’evento è a ingresso libero fino a esaurimento posti.

La rassegna “Realtà.doc” è un’iniziativa realizzata da Apulia Film Commission e finanziata dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale, nell’ambito dell’intervento “Viva Cinema – Promuovere il Cinema e Valorizzare i Cineporti di Puglia”, a valere su risorse FSC Puglia 2014-2020 – Patto per la Puglia.

Per info: realta.doc@gmail.comwww.facebook.com/realtadoc

 

07/03/2018

Due film girati in Puglia da giovedì 8 marzo nei cinema di tutta Italia: “Vengo anch’io” e “Anche senza di te”

53935

Da domani, giovedì 8 marzo, saranno nelle sale due film girati in Puglia col sostegno di Regione Puglia e Apulia Film Commission: “Vengo Anch’io”, opera prima da registi della coppia comica Corrado Nuzzo e Maria Di Biase e “Anche senza di te” di Francesco Bonelli.

“Vengo Anch’io” è la storia di un aspirante suicida, di un’ex carcerata, di un ragazzo con la sindrome di Asperger e di una giovane atleta salentina. Apprezzati a teatro e consacrati al grande pubblico grazie alle numerose partecipazioni in programmi televisivi di successo, tra cui Zelig, Mai dire lunedì e Quelli che il calcio, Maria Di Biase e Corrado Nuzzo approdano sul grande schermo come protagonisti di una divertente e originale commedia.

Il film è stato girato in Puglia per due settimane, tra Lecce, Santa Maria di Leuca, il porto di Brindisi e Tricase, tra l’altro città originaria di Corrado Nuzzo. Prodotto da Attilio De Razza per Tramp Limited e distribuito da Medusa, “Vengo anch’io” ha beneficiato del supporto logistico di Apulia Film Commission. Per la realizzazione del film sono stati impiegati 16 lavoratori pugliesi.

Anche senza di te” è una commedia diretta da Francesco Bonelli, con protagonisti Myriam Catania, Nicolas Vaporidis, Matteo Branciamore, Alessio Sakara e Pietro De Silva. Il film racconta la storia di una giovane insegnante precaria ormai stanca di attendere il cosiddetto posto fisso.

Il film, prodotto da Hermes Film e Sun Film è stato girato in Puglia per 30 giorni di lavorazione tra Taranto e provincia, con il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia pari a 141.555,00 euro per una ricaduta preventivata sul territorio di 467mila euro. Per la realizzazione del film sono stati impiegati 39 lavoratori pugliesi.

 

05/03/2018

Al via lunedì 5 marzo al Cineporto di Bari “I Viaggio Immobili – Rassegna tra Cinema e Architettura”

“I Viaggi Immobili” è un percorso che esplora le connessioni, i punti di contatto e le mutue influenze tra cinema e architettura, un itinerario di visione e approfondimento importante su alcuni film in cui l’intreccio tra le due discipline ha creato un nuovo immaginario, in cui i paesaggi urbani e gli edifici ripresi non si limitano a rappresentare un set naturale per le scene, ma assurgono a un ruolo di protagonisti o anche significativamente simbolico, costituendo una parte integrante del racconto e del testo visivo.

A partire da lunedì 5 marzo, per 4 settimane fino a lunedì 26 alle 20.30, il Cineporto di Bari ospita “I Viaggi Immobili”, rassegna cinematografica tra cinema e architettura organizzata da Apulia Film Commission e il progetto “expostModerno”. Il programma prevede la proiezione di quattro film introdotti da critici cinematografici ed esperti e docenti in architettura.

La rassegna mira a riscoprire la meraviglia del cinema visto con la lente dell’architettura e viceversa: percorreremo strade ormai perdute e immaginate, abiteremo ambienti che possono essere esistiti in passato, esistono tuttora o che ricostruiscono idee di luoghi, e che attraverso lo sguardo della macchina da presa diventano occasione per stimolare una “coscienza urbana dell’occhio”. A partire dai film selezionati, di generi ed epoche differenti, approfondiremo temi contemporanei o di eterna attualità, grazie alla presenza di ricercatori e operatori culturali, critici cinematografici, progettisti e docenti di entrambe le discipline.

S’inizia, lunedì 5 marzo, con la pellicola “Il terzo uomo” (1949, v.o. restaurata con sottotitoli in italiano) di Carol Reed, con ospiti Alessandro Benedetto, architetto, e Claudia Lucia Ostuni, autrice e sceneggiatrice. Vincitore del Gran Prix al 3° Festival del Cinema di Cannes, e sceneggiato dallo scrittore Graham Green, “Il terzo uomo” è un noir che ha fatto la storia di questo genere; un racconto di amore, amicizia e crimini spietati, neri come la notte nelle strade della Vienna post bellica.

L’appuntamento successivo, lunedì 12, è con il film premio Oscar come “Miglior film straniero “Mon Oncle” (1958, v.o. restaurata con sottotitoli in italiano) di Jacques Tatì, con ospiti Simonetta Dellomonaco, architetto, project manager e membro del CdA di Apulia Film Commission, e Leonardo Gregorio, autore e critico cinematografico.

Per il terzo appuntamento della rassegna, lunedì 19, il programma prevede la visione del film “L’Amatore” (2016) di Maria Mauti, con ospiti Francesco Moschini, professore ordinario di Storia dell’Architettura del Politecnico di Bari e presidente dell’Accademia di San Luca, e Saba Ercole, cofondatrice dell’associazione La Scatola Blu.

Infine, lunedì 26, “All the cities of the North”, di Dane Komljen (2016, v.o. con sottotitoli in italiano), con ospiti Antonio Ottomanelli, architetto e fotografo, cofondatore Planar, e Marianna Fumai, film editor e cofondatrice di Rec Movie.

Diretta da Silvia Sivo per “expostModerno”, la rassegna “I viaggi immobili” è realizzata in collaborazione con le associazioni La Scatola Blu, Rec Movie, il patrocinio di In/Arch Puglia e con il supporto scientifico della Fondazione Gianfranco Dioguardi e del Fondo Francesco Moschini AAM Architettura Arte Moderna.

La rassegna, inoltre, si avvale anche dei contributi interdisciplinari durante le serate di: Lorenzo Netti, docente di Disegno dell’Architettura presso il Politecnico di Bari, Lorenzo Pietropaolo, docente di Storia dell’Architettura e della Città presso il Politecnico di Bari, Angela Bianca Saponari, docente di Industria culturale e turismo, cinema fotografia e televisione presso l’Università degli Studi di Bari, e Federico Zecca, docente di Storia del cinema presso l’Università degli Studi di Bari.

“I Viaggi Immobili” è prodotto da Apulia Film Commission e finanziato da Regione Puglia e Unione Europea attraverso il Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020 e del P.O.R. Puglia 2014-2020 – Asse VI Obiettivo Tematico 6.7, nell’ambito dell’intervento “Viva Cinema – Promuovere il Cinema e Valorizzare i Cineporti di Puglia”.

 

INFORMAZIONI SU eXPOSTMODERNO

“expostModerno” è un processo di riattivazione culturale e architettonica che vede come protagonista uno storico cinema all’aperto nel quartiere Libertà di Bari, l’Arena Moderno. Un cinema popolare di riferimento sociale che è stato abbandonato per molto tempo e che dal 2015 sta riprendendo vita come cortile culturale urbano, un luogo per fare comunità e rendere la cultura più accessibile per chi la fa e per chi ne fruisce.

Il collettivo che lo anima è composto da organizzazioni e lavoratori impegnati nei campi della rigenerazione urbana, della ricerca culturale e artistica, dell’attivismo sociale, del cinema e dell’architettura. Insieme operano con l’obiettivo di creare un ambiente interdisciplinare di confronto e relazione tra operatori, autori e pubblico per la crescita culturale del territorio, attraverso la trasformazione – contemporaneamente fisica e immateriale – dell’Arena, e la sua gestione condivisa come bene comune urbano.

 

02/03/2018

Ildikó Enyedi protagonista della prossima edizione del Festival del Cinema Europeo

Candidata agli imminenti Oscar come miglior film straniero con “Corpo e anima”, già Orso d’oro alla Berlinale 2017, Ildikó Enyedi sarà al prossimo Festival del Cinema Europeo, diretto da Alberto La Monica, che si terrà a Lecce dal 9 al 14 aprile.

La manifestazione salentina dedicherà alla regista e sceneggiatrice ungherese la sezione “I Protagonisti del Cinema Europeo”, assegnandole l’Ulivo d’Oro alla carriera a seguito di un incontro con il pubblico moderato da Massimo Causo, e presenterà la retrospettiva completa dei suoi film compresa la copia restaurata de “Il mio XX secolo” mostrata in anteprima mondiale un grande evento alla trascorsa edizione della Berlinale.

Ed è con “Il mio XX secolo”, sua opera prima, che la regista si aggiudica al Festival di Cannes la Caméra d’or e il film viene annoverato tra le migliori pellicole ungheresi di tutti i tempi. Ha partecipato a molti festival, tra cui Venezia nel 1994 in concorso con “Magic Hunter” e Locarno nel 1999 con “Simon mágus”, film con cui nel 2000 vinse l’Ulivo d’oro proprio alla prima edizione del Festival del Cinema Europeo. Attualmente Ildikó Enyedi è impegnata con “The Story of My Wife: Léa Seydoux“ suo primo film in lingua inglese con l’attrice francese Léa Seydoux e il norvegese Anders Baasmo Christiansen.

Realizzato dalla Fondazione Apulia Film Commission e dalla Regione Puglia con risorse del Patto per la Puglia (FSC), il Festival del Cinema Europeo è ideato e organizzato dall’Associazione Culturale “Art Promotion” con il sostegno del Comune di Lecce e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo-Direzione Generale Cinema.

Il Festival del Cinema Europeo è membro dell’Associazione Festival Italiani di Cinema, si pregia del Patrocinio del Parlamento Europeo e della collaborazione del Centro Sperimentale di Cinematografia, del S.N.G.C.I., della FIPRESCI, del S.N.C.C.I., del Centro Nazionale del Cortometraggio, dell’Agiscuola.

 

01/03/2018

Giovedì 1 marzo Gurcan Keltek e il suo “Meteors” al Cineporto di Bari per Registi fuori dagli sche(r)mi

Continua la settima edizione della rassegna di cinema internazionale “Registi fuori dagli sche[r]mi”, con la proiezione di uno dei film più acclamati e discussi dell’anno: “Meteors” del regista turco Gurcan Keltek.

Film-evento dello scorso Festival di Locarno e vincitore del Milano Film Festival 2017, il film sarà proiettato giovedì 1 marzo alle 20.30 al Cineporto di Bari (ingresso libero fino a esaurimento posti). Alla visione sarà presente il regista Gurcan Keltek insieme al critico, nonché delegato generale della Settimana Internazionale della Critica della Mostra del cinema di Venezia Giona Nazzaro e Luigi Abiusi, direttore artistico della rassegna e direttore di Uzak.it.

Considerato come il film definitivo riguardante la questione curda, “Meteors” mette insieme prospettiva, politica e inclinazione lirica, attraverso un bianco e nero di splendore abbagliante. Documento storico lucidissimo, il film si muove tra misteriose alture popolate da animali in fuga, arrivando dentro le case dei curdi, per divenire poi opera di poesia, riflessione sul cosmo. Tra gli autori della colona sonora, ci sono anche composizioni dei Mogwai.

“Registi fuori dagli scheRmi” è prodotto da Apulia Film Commission e finanziato da Regione Puglia e Unione Europea attraverso il Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2007-2013 e del P.O.R. Puglia 2014-2020 – Asse VI Obiettivo Tematico 6.7.

 

22/02/2018

Al via le riprese di “Non sono un assassino” di Andrea Zaccariello con Riccardo Scamarcio, Alessio Boni e Claudia Gerini

Il vice questore Francesco Prencipe esce di casa per raggiungere il suo migliore amico, il giudice Giovanni Mastropaolo che non vede da quasi due anni. Due ore di macchina per un colloquio di poche parole. Quella stessa mattina il giudice viene trovato morto, freddato da un colpo di pistola alla testa.

È quanto si racconta nel film “Non sono un assassino” di Andrea Zaccariello che, a partire da sabato 24 febbraio, si girerà in Puglia per 5 settimane tra Bari, Monopoli e Accadia, in provincia di Foggia.

Protagonisti della vicenda sono gli attori: Riccardo Scamarcio, Alessio Boni, Edoardo Pesce, Claudia Gerini, Barbara Ronchi, Sarah Felberbaum e Vincenzo De Michele.

Prodotto dalla Pepito Produzioni e Viola Film con il sostegno logistico di Apulia Film Commission, per la realizzazione del film sono impegnate 26 unità lavorative pugliesi.

 

21/02/2018

Le bellezze del Gargano protagoniste in tv con una speciale puntata di Masterchef su SkyUno e con “Non c’è più religione” su RaiUno

Riprese Masterchef

Il Gargano protagonista di due eventi televisivi. Il mare cristallino e le bellezze della città di Vieste, in provincia di Foggia, fanno da scenario alle sfide culinarie della prossima puntata di Masterchef 7, prodotto da Endemol Shine Italy. La puntata pugliese del talent show culinario di Sky, con i giudici Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Antonia Klugmann, è stata girata lo scorso luglio nell’isolotto del faro di Santa Eufemia a Viste e andrà in onda domani, giovedì 22 alle 21.15, su Sky Uno.

Si tratta di un’ulteriore azione di marketing territoriale coordinata dalla Regione Puglia e realizzata in sinergia dalla Fondazione Apulia Film Commission e l’Agenzia Pugliapromozione e l’apporto della Camera di Commercio di Foggia. Un lavoro che porterà, ancora una volta, le bellezze paesaggistiche e dell’arte culinaria pugliese all’attenzione dell’intero Paese.

Il Gargano, in particolare le città di Monte Sant’Angelo, Manfredonia e le Isole Tremiti, è protagonista anche di “Non c’è più religione” di Luca Miniero, film girato tra maggio e luglio 2016 e scritto dal regista con Sandro Petraglia e Astutillo Smeriglia, con protagonisti Claudio Bisio e Alessandro Gassman e con Angela Finocchiaro, Nabiha Akkari e Giovanni Cacioppo. Il film, prodotto da Cattleya con Rai Cinema e sostenuto da Apulia Film Commission, sarà trasmesso in prima visione tv sabato 24 in prima serata su Rai Uno.

20/02/2018

Due importanti iniziative per ricordare la figura dell’intellettuale e del critico cinematografico Vito Attolini

Attolini

L’Apulia Film Commission, il Gruppo Puglia del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) e il Centro Studi AFC ricordano assieme la figura insostituibile di Vito Attolini, venuto a mancare lo scorso 11 dicembre all’età di ottantasei anni. “Vito Attolini, intellettuale e gentiluomo”, in programma venerdì 23 dalle 17 al Cineporto di Bari, è il titolo dell’incontro che unirà esigenze di studio al commosso omaggio e in cui sarà sottolineato il prezioso contributo di intellettuale a tutto campo, temprato da una signorilità senza pari, dello storico e critico cinematografico che del Gruppo Puglia del SNCCI è stato per molti anche il fiduciario.

All’incontro interverranno: Maurizio Sciarra (presidente Apulia Film Commission), Giandomenico Vaccari (vicepresidente Apulia Film Commission), Anton Giulio Mancino (fiduciario SNCCI – Gruppo Puglia), Raffaele Cavalluzzi (Università degli Studi di Bari), Angela Bianca Saponari (Centro Studi AFC, SNCCI – Gruppo Puglia), Frederic Pascali (SNCCI – Gruppo Puglia). Seguirà la proiezione di un film particolarmente emblematico nel percorso di studi di Attolini, fondamentale per comprendere lo spessore della sua passione cinematografica: “Ombre rosse” (1939) di John Ford, rigorosamente in edizione italiana doppiata secondo le preferenze di Attolini che non amava i sottotitoli.

L’iniziativa, in cui verranno ripercorsi i principali ambiti di studio di Attolini, proseguirà con “Vito Attolini, sotto il segno dei film”, rassegna realizzata in collaborazione in collaborazione con la Mediateca Regionale Pugliese. Si tratta di un ciclo di sei proiezioni a ingresso libero, che si terranno ogni mercoledì dal 28 febbraio al 4 aprile alle 18, nella sede della Mediateca a Bari (via Zanardelli 30). I film saranno introdotti da critici del Gruppo puglia del SNCCI e colleghi di Attolini.

Si comincia, mercoledì 28 febbraio, con la pellicola “Europa 51” (1952) di Roberto Rossellini, film cui collaborò in sede di sceneggiatura lo scrittore e critico teatrale di origine modugnese Sandro De Feo, cui Attolini con Alfonso Marrese ha dedicato lo scorso anno un volume monografico a cura della collana da lui ideata e curata dal SNCCI Gruppo Puglia per conto della Teca del Mediterraneo – Biblioteca Multimediale e Centro di Documentazione della presidenza del Consiglio Regionale della Puglia. A quest’incontro inaugurale della rassegna di film e autori particolarmente cari ad Attolini, interverranno Giandomenico Vaccari, Anton Giulio Mancino e Alfonso Marrese, che introdurrà il capolavoro di Rossellini.

A seguire, mercoledì 7 marzo, sarà la volta di “Signore & signori” (1965) di Pietro Germi, introdotto da Lorenzo Procacci Leone; il 14 marzo “Sentieri selvaggi (1956) di John Ford, introdotto da Anton Giulio Mancino; il 21 marzo “L’infanzia di Ivan(1962) di Andrej Tarkovskij introdotto da Irene Gianeselli, il 28 marzo “Senso (1954) di Luchino Visconti introdotto da Angela Bianca Saponari e il 4 aprileLa città delle donne” (1980) di Federico Fellini introdotto da Gemma Lanzo.

Tutte occasioni imperdibili per ritornare sui passi della storia de cinema grazie ad Attolini, che ne ha onorato nella sua lunga carriera le tappe salienti con scritti, interventi e iniziative importanti. Nel corso di questi eventi saranno inoltre previsti annunci e sorprese di ulteriori iniziative sempre nel ricordo di Vito Attolini.

 

20/02/2018

“Rag Union” di Mikhail Mestetskiy è il terzo film de “I Dispersi verso Est” | Martedì 20 febbraio – h. 21:00

Prosegue al Cineporto di Bari la rassegna a ingresso libero “I disperi verso Est”, ciclo di proiezioni dedicato al cinema russo contemporaneo organizzato da Apulia Film Commission e l’associazione La scatola blu.

Per il terzo appuntamento della rassegna, in programma domani, martedì 20 alle 21, sarà proiettato il film “Rag Union” (2015, titolo originale “Tryaoichnyy soyuz”) di Mikhail Mestetskiy. La pellicola sarà introdotta da Olga Novitchkiva, rappresentante del Centro di Cultura Russa di Puglia “Barigrad”.

In una Mosca anonima e senza pulsioni, il giovane Vanya si imbatte in un gruppo di strambi ragazzi. Sono i membri della Rag Union, un “corpo speciale” di giovanissimi con uno scopo ben preciso: cambiare il mondo e la vita di Vanya. Un film che si muove tra l’immaginario di Kusturica e Gondry. Ricco di idee folli e di atti poetici che potrebbero ricordare Jodorowsky, ma che si scontra con la tenera ingenuità dei ventenni.

“I Dispersi verso Est” è prodotto da Apulia Film Commission e finanziato da Regione Puglia e Unione Europea attraverso il Patto per la Puglia – Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020.

 

Archivio contenuti|«567891011 » »|