News
03/06/2019

La Puglia si riempie nuovamente di set cinematografici

Inocchio

La Puglia si riempie nuovamente di set cinematografici. Sono iniziate da qualche giorno, infatti, le riprese di “Si vive una volta sola” il nuovo film Carlo Verdone, “Cops” di Luca Miniero e la serie tv Rai ispirato ai romanzi di Maurizio De Giovanni “Il commissario Ricciardi” diretto da Alessandro D’Alatri. Da oggi, sabato 1 giugno, primo ciak del lungometraggio “Spaccapietre” diretto da Gianluca e Massimiliano De Serio. Terminate o in fase di chiusura, invece, le riprese di “Pinocchio” di Matteo Garrone, “Tolo Tolo” di Luca Medici, in arte Checco Zalone, “Semina il vento” di Danilo Caputo e la serie tv “Fratelli Caputo” di Alessio Inturri.

La Puglia continua a vivere una rilevante fase della propria industria cinematografica e audiovisiva – dichiara Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia-. Centinaia di professionisti sono quotidianamente impegnati in questo settore che per noi diventa sempre più strategico, anche perché contribuisce a forti ricadute culturali e turistiche sull’intero territorio regionale”.

La presenza di tante e prestigiose produzioni cinematografiche sul territorio pugliese – prosegue Loredana Capone, assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia-, accanto a nomi altisonanti della settima arte presenti sui set, confermano ulteriormente che la Puglia è una delle regioni più cinematografiche d’Italia. Un settore che rappresenta sempre più il nostro biglietto da visita a livello nazionale e, soprattutto, internazionale”.

Carlo Verdone ha scelto la Puglia per il suo “Si vive una volta sola”, un film incentrato sulla vicenda di quattro medici, tre omini e una donna, talmente abili professionalmente da essere scelti per un intervento al Papa. Ma, allo stesso tempo, i 4 sono sempre alla ricerca di scherzi e burle che a volte compromettono l’equilibrio famigliare dell’uno o dell’altro. Nel cast, accanto a Carlo Verdone, Rocco Papaleo, Anna Foglietta, Max Tortora e Sergio Muniz.

Le riprese, iniziate lunedì 27 maggio da Bari, continueranno per 8 settimane fino al 20 luglio nelle città di Polignano a Mare, Monopoli, Otranto, Castro, Santa Cesarea Terme, Conversano, Porto Badisco e Serrano. Il film è prodotto dalla FilmAuro di Luigi e Aurelio De Laurentiis con il sostegno logistico di Apulia Film Commission. Per la realizzazione del film sono stati impiegati 44 unità lavorative pugliesi.

Cops” di Luca Miniero, invece, racconta la vicenda di una piccola cittadina di provincia nella quale da anni non si commettono reati. Un giorno arriva un’emissaria del ministero dell’interno per chiudere il Commissariato: in assenza di reati è soltanto una spesa che grava sulle finanze pubbliche. Protagonisti della storia sono: Claudio Bisio, Stefania Rocca, Pietro Sermonti e Dino Abbrescia.

Iniziate martedì 28 maggio, le riprese continueranno per 6 settimane fino al 29 giugno tra Nardò, Galatina, Acaya e San Vito dei Normanni. La commedia è prodotta dalla Dry Media per Sky con il sostegno logistico di Apulia Film Commission. Per la realizzazione del film sono stati impiegato 36 unità lavorative pugliesi.

A Taranto, invece, da giovedì 23 maggio per 8 settimane fino al 20 luglio, sono in corso le riprese della fiction tv “Il commissario Ricciardi” diretto da Alessandro D’Alatri. Nel ruolo del protagonista è l’attore abruzzese Lino Guanciale, già noto al grande pubblico per altre fiction tv di successo su Rai 1 (“L’Allieva” e “La porta rossa”), Peppe Servillo e Serena Iansiti. Luigi Alfredo Ricciardi è un personaggio immaginario della letteratura italiana, creato dallo scrittore napoletano Maurizio De Giovanni. È un commissario di polizia, protagonista di alcuni romanzi gialli e fumetti ambientati negli anni Trenta, nel pieno dell’epoca fascista, a Napoli. Prodotto da Clemart e Rai Fiction con il supporto logistico di Apulia Film Commission, il film si avvale dell’impiego di 84 unità lavorative pugliesi.

A partire da oggi, sabato 1 giugno per 5 settimane fino al 6 luglio tra Bari, Spinazzola e Pulsano, primo ciak per “Spaccapietre” di Gianluca e Massimiliano De Serio, con protagonista Salvatore Esposito, noto per il ruolo di Gennaro “Genny” Savastano nella serie televisiva “Gomorra”. Angela, madre del piccolo Antò e moglie di Giuseppe, muore come bracciante sul posto di lavoro. Giuseppe fa un’assurda promessa al figlio: un giorno riavrà sua madre. Prodotto da La Sarraz Pictures, Shellac Sud, Rai Cinema e il contributo del MiBAC, il film è realizzato con il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia (210.758,40 euro) a valere su risorse del POR Puglia 2014/2020 e con il sostegno di Apulia Film Commission.

Concluse in Puglia le riprese di “Pinocchio”, il nuovo film diretto da Matteo Garrone. La lavorazione del film, dopo Toscana e il Lazio, ha toccato la Puglia per sei settimane e ha toccato in particolare le città di Ostuni, Fasano, Monopoli, Polignano, Noicattaro, Altamura, Gravina e Spinazzola. Protagonisti della vicenda, che mantiene sostanzialmente l’impianto narrativo de “Le Avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, sono il premio Oscar Roberto Benigni (Geppetto), Gigi Proietti (Mangiafuoco), Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini (Gatto e Volpe) e il giovane Federico Ielapi (Pinocchio). Coprodotto da Archimede Film (Italia) La Pacte (Francia) e HanWay Film (Gran Bretagna) si avvale del sostegno di Rai Cinema, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia (267.500 euro) su risorse del POR Puglia 2014/2020 e con il sostegno di Apulia Film Commission.

 

29/05/2019

In Mediateca la presentazione del libro “Cinetour – Guida ai set cinematografici d’Italia” di Eleonora D’Uffizi | Mercoledì 29 maggio – h. 18:00

Locandina presentazione Cinetour_29 maggio

Che il Colosseo faccia da sfondo alla terrazza del protagonista del film “La Grande Bellezza”, peraltro premiato con l’Oscar, è piuttosto evidente. Che i suggestivi Sassi di Matera diventino Gerusalemme in pellicole come “Il Vangelo secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini nel 1964, “King David” con Richard Gere nel 1985 e una terza volta, nel 2002, con il film “La Passione di Cristo” di Mel Gibson, è noto a tutti.

Ma i paradisi di celluloide in Italia sono tantissimi e molti sono dietro casa, anche a Bari e in Puglia. Cinetour – Guida ai set cinematografici d’Italia di Eleonora D’Uffizi (Edizioni All Around, pagg. 160, costo 12 euro) è una guida in italiano e in inglese divertente e pratica, destinata a tutti gli appassionati di “movie tourism” in cerca di novità, informazioni e chicche. Ma anche a chi vuole trascorrere un weekend o una vacanza alternativa, alla ricerca delle location cinematografiche e televisive che hanno visto protagoniste le star più amate del passato e del presente.

Il volume sarà presentato dall’autrice Eleonora D’Uffizi, giornalista romana appassionata di cinema ormai di casa nel capoluogo pugliese, mercoledì 29 maggio alle 18 alla Mediateca Regionale Pugliese (via Zanardelli 30 a Bari). A dialogare con lei la professoressa Angela Bianca Saponari, docente di Cinema e Industria Culturale all’Università “Aldo Moro” di Bari ed esperta di Turismo cinematografico. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Regione Puglia e la Fondazione Apulia Film Commission.

Tra analisi sull’importanza economica di questo settore turistico e aneddoti, non può mancare un focus sugli itinerari nostrani, dalla Puglia di Sergio Rubini al boom dei set in Salento, fino agli ultimi film in via di riprese “Si vive una sola volta” di Carlo Verdone e il “Pinocchio” di Matteo Garrone.

28/05/2019

BGeek 2019 – Masterclass e proiezioni al Cineporto di Bari per il Festival dell’Immaginazione

BGeek-2019-manifesto-Dave-McKean-hi

Crossmedialità e narrazione sono le parole d’ordine della cultura contemporanea, elementi fondamentali dell’attività creativa planetaria, capaci di travalicare i limiti di genere e di supporto. L’edizione 2019 del BGeek, che si terrà alla Fiera del Levante di Bari nei giorni 1 e 2 giugno, intende immergersi nelle infinite possibilità dell’immaginazione, incrociando le esperienze di fruizione e proponendo ai suoi visitatori un viaggio sorprendente attraverso letteratura, illustrazione, immagine in movimento, gaming e interazione digitale. L’innovazione, dunque, passa innanzitutto dai linguaggi, che ogni anno BGeek intreccia grazie ad un ricchissimo programma di incontri, mostre, esposizioni, performance dal vivo, premi e proiezioni, abbattendo la barriera che per lungo tempo ha separato cultura alta e cultura bassa.

Nell’attesa della due giorni di sabato 1 e domenica 2 giugno, BGeek lancia il suo inteso cartellone di mostre, incontri e proiezioni che coinvolgeranno alcuni punti nevralgici del capoluogo pugliese.

Fra i protagonisti dell’edizione 2019 di BGeek c’è senza dubbio Asif Kapadia, sceneggiatore e produttore premiato al festival di Cannes già col suo esordio per il corto “The sheep thief”. Il suo primo lungometraggio “The warrior”, girato in India, ha vinto il Premio Alexander Korda per il miglior film britannico e il Premio Carl Foreman per il miglior esordiente ai BAFTA 2003. Proprio ”The warrior” sarà proiettato giovedì 30 maggio alle ore 10.00 al Cineporto di Bari, luogo dove alle 12 si Kapadia terrà la masterclass dal titolo “Fare film senza perdere il senso dell’umorismo”.

Asif Kapadia, dopo aver vinto ai BAFTA il premio come miglior documentario e miglior montaggio per “Senna”, dedicato alla leggenda brasiliana della Formula Uno, ha diretto il documentario “Amy” sulla vita della cantante inglese Amy Winehouse. Proprio questa sua opera sarà proiettata al Cineporto alle ore 21.00, ma la visione sarà anticipata da una conversazione di Kapadia col regista Alessandro Piva e col coordinatore del programma Puglia Sounds Cesare Veronico. Il talk sarà l’occasione per parlare non solo del documentario sulla Winehouse – che ha vinto l’Oscar nel 2016 – ma anche del lavoro fatto da Kapadia per due episodi della serie “Mindhunter” prodotta da David Fincher e del recente documentario “Diego Maradona” dedicato al controverso calciatore argentino e presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2019.

La sezione dedicata a cinema e serie TV vedrà la presenza di Alessandro Rak, autore nel 2014 del lungometraggio “L’arte della felicità”, che ha vinto (tra gli altri) il premio Arca Giovani e la menzione speciale FEDIC come miglior film italiano a Venezia. Nel 2017 ha diretto “Gatta Cenerentola”, un successo straordinario che ha vinto il Ciak d’oro 2018 per la Produzione, il Nastro d’argento per la qualità, l’innovazione e il coraggio produttivo nonché due premi ai David di Donatello: Miglior produttore e Migliori Effetti Speciali visivi. Al Bgeek 2019 Alessandro Rak terrà una Masterclass – ingresso incluso nel biglietto dell’evento, libero fino ad esaurimento posti (non è necessaria la pre-iscrizione) – e una portfolio review per i giovani autori.

Punta di diamante del cartellone sarà l’inaugurazione di sabato 25 maggio della straordinaria mostra di Dave McKean, uno dei più grandi autori di fumetti della nostra generazione, le cui opere saranno esposte al Museo Civico di Bari fino al 30 giugno. I cultori della nona arte avranno inoltre la possibilità di incontrare il maestro venerdì 31 maggio alle ore 11.00, sempre al Museo Civico, per una riflessione sul rapporto fra creatività e immaginazione.

Il viaggio nella creatività proseguirà la sera del 31 maggio alle ore 21.00 al Cineporto di Bari con la proiezione del film “Paura e delirio a Las Vegas“, il mitico film del regista statunitense Terry Gilliam che sarà introdotto dal direttore artistico di BGeek Leonardo Rizzi e dal giornalista Michele Casella.

Il cartellone del BGeek 2019 contiene inoltre tantissime iniziative dedicate al cinema e alle serie tv, ai videogame e ai giochi di ruolo, al fenomeno degli YouTuber e a quello dei cosplayer, presentando incontri, workshop, masterclass, concerti e tanto altro. L’evento centrale dei giorni 1 e 2 giugno sarà infatti anticipato da una programmazione speciale nella settimana antecedente, con appuntamenti e proiezioni realizzati al Cineporto di Bari in collaborazione con Apulia Film Commission.

Fin dalla prima edizione il BGeek ha visto una costante crescita, passando dai 4.000 visitatori del 2012 ai 20.000 del 2018 e confermando l’affezione del pubblico che ha risposto con entusiasmo agli oltre 150 eventi in programma. Una fiera sempre più grande, sempre più attesa e partecipata, passata dai 300 metri quadrati del 2012 ai 14.000 del 2018 e da 12 a 70 espositori, già disponibili per l’edizione 2019, che sarà in grado di accogliere sempre più pubblico e spazi commerciali grazie ai nuovi, accoglienti spazi della Fiera del Levante. BGeek è anche una comunità web con più di 15mila fan su Facebook e un ulteriore grande potenziale di crescita grazie al graduale ma incessante aumento dei visitatori da fuori regione.

 

 

 

23/05/2019

AVVISO PUBBLICO RELATIVO AD UNA INDAGINE DI MERCATO PER LA PRODUZIONE ESECUTIVA DI NOVE EPISODI DI UNA WEB SERIE ANTOLOGICA NELL’AMBITO DEL PROGETTO CIRCE FINANZIATO DAL PROGRAMMA INTERREG IPA CBC ITALIA – ALBANIA – MONTENEGRO 2014/2020

PUBLIC CALL RELATED TO A MARKET SURVEY FOR THE EXECUTIVE PRODUCTION OF 9 EPISODES FOR AN ANTHOLOGICAL WEB SERIES IN THE FRAME OF CIRCE PROJECT FINANCED UNDER INTERREG IPA CBC ITALY-ALBANIA-MONTENEGRO PROGRAMME 2014/2020 (CUP B99D17019500007)

Download here the documents:

Call Web Serie_CIRCE
Annex 1_ Application Form_CIRCE
Annex 2_ Economic offer_CIRCE

AVVISO PUBBLICO RELATIVO AD UNA INDAGINE DI MERCATO PER LA PRODUZIONE ESECUTIVA DI NOVE EPISODI DI UNA WEB SERIE ANTOLOGICA NELL’AMBITO DEL PROGETTO CIRCE FINANZIATO DAL PROGRAMMA INTERREG IPA CBC ITALIA – ALBANIA – MONTENEGRO 2014/2020 (CUP B99D17019500007)

Scarica i documenti:

Avviso Pubblico_CIRCE
Allegato 1_Domanda di partecipazione_CIRCE
Allegato 2_Offerta economica_CIRCE

Bari, 12 Aprile 2019

The interested economic operators can send their application through the digital platform available at the link http://dev.hsh.it/afc/ at the latest by 23:59 (UTC + 1) of 27th May 2019 (45 days after the publication date).

The applications sent after the aforementioned deadline or sent with different arrangements will be rejected.

Gli operatori economici interessati potranno presentare la propria istanza attraverso la piattaforma telematica disponibile a questo link http://dev.hsh.it/afc/ entro e non oltre le ore 23:59 (ora italiana) del 27 maggio 2019 (45 giorni dalla data di pubblicazione).

Non saranno prese in considerazione le istanze inviate oltre il termine suddetto o presentate con modalità differenti.
Si precisa che tutta la documentazione di partecipazione dovrà essere presentata in lingua inglese.

23/05/2019

Shinya Tsukamoto al Cineporto di Bari per Registi fuori dagli sche[r]mi | Martedì 28 maggio – h. 18:00

registi_fuori_2019_locandina_4_web

Continua l’ottava edizione della rassegna di cinema internazionale “Registi fuori dagli sche[r]mi”, con la proiezione di due film passati entrambi in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, mai distribuiti in Italia: “Nobi” e “Zan” di Shinya Tsukamoto.

I film saranno proiettati martedì 28 maggio a partire dalle 18 al Cineporto di Bari (ingresso libero fino a esaurimento posti). A dialogare con il regista ci saranno i critici cinematografici Anton Giulio Mancino e Massimo Causo, e il direttore artistico della rassegna e della rivista Uzak.it, Luigi Abiusi.

Shinya Tsukamoto è un regista unico nel panorama internazionale. Autore divenuto di culto già a partire da “Tetsuo” di cui si festeggia quest’anno il trentennale, nel suo cinema l’essere umano viene dipinto come fragile guscio percosso da violente trasformazioni fisiche e mentali, causate da pulsioni interne e dalla reminiscenza di miti antichi.

In questo senso Tsukamoto è il padre del cinema cyberpunk, incontrando l’opera di altri due grandi registi contemporanei: l’americano John Howard Carpenter ma, soprattutto, il canadese David Paul Cronenberg. La sua fotografia assume spesso connotati simbolici ed evocativi, mentre la messa in scena è di tipo espressionista, violenta proprio dal punto di vista della percezione.

“Nobi” è decostruzione del cinema di guerra che diviene apoteosi splatter, cannibalismo; “Zan” variazione carnale, sulla storia d’amore all’insegna delle lame taglienti dei samurai: carneficine, anche della psiche.

“Registi fuori dagli scheRmi” è prodotto da Apulia Film Commission e finanziato da Regione Puglia e Unione Europea attraverso il Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2007-2013 e del P.O.R. Puglia 2014-2020 – Asse VI Obiettivo Tematico 6.7.”

 

21/05/2019

È online la call per la prossima edizione dell’Apulia Film Forum | Brindisi, 10-12 ottobre 2019

60618171_2293002774079598_6044290093928153088_n

La Fondazione Apulia Film Commission presenta la decima edizione di Apulia Film Forum che si terrà quest’anno a Brindisi nei giorni 10, 11 e 12 ottobre 2019. L’obiettivo dell’Apulia Film Forum è di favorire l’incontro e le partnership tra gli operatori del settore audiovisivo affinché sviluppino buone sinergie per realizzare i progetti filmici in coproduzione da girare in tutto o in parte in Puglia.

Ai partecipanti viene offerta la possibilità di lavorare insieme all’interno del Forum, per discutere e presentare i loro progetti filmici avendo così l’opportunità di “testarli” nella loro fase di sviluppo e di entrare in contatto con potenziali cofinanziatori.

Il programma prevede incontri tra produttori per favorire processi di coproduzione e uno scambio di best practices al fine di migliorare le modalità operative dei professionisti coinvolti, indirizzandoli verso la scelta della Regione Puglia quale location per i propri progetti audiovisivi.

I progetti partecipanti saranno presentati dai rispettivi produttori con la particolarità di essere parzialmente finanziati e in cerca di ulteriori coperture per portare a termine il progetto filmico. Il compito del Forum è, infatti, quello di organizzare incontri one to one tra i referenti dei progetti e possibili finanziatori.

Si rinnovano le due sezioni: Italia e Estero.

La sezione Italia è rivolta a progetti audiovisivi di produttori nazionali in cerca di coproduttori stranieri.

La sezione Estero è rivolta a progetti audiovisivi di produttori provenienti da qualunque altra parte del mondo in cerca di coproduttori o produttori esecutivi italiani.

Per accedere ad entrambe le sezioni, i progetti filmici – lungometraggi di finzione o documentari di lungometraggio – devono essere in fase di sviluppo, con almeno il 30% del budget assicurato, e prevedere che le riprese siano realizzate in tutto o in parte in Puglia (si precisa che non vi è obbligo di esplicita ambientazione nel territorio regionale).

Dal sito www.forum.apuliafilmcommission.it è possibile scaricare l’Avviso Pubblico e la Scheda d’Iscrizione.

La scadenza per iscrivere i progetti è il 26 agosto 2019.

La selezione dei progetti partecipanti sarà effettuata da una Commissione di valutazione, tenendo conto dei requisiti di ammissibilità.

Gli esiti della valutazione saranno pubblicati sul sito www.forum.apuliafilmcommission.it.

Con tale evento, la Fondazione Apulia Film Commission completa la propria strategia di costruzione della filiera industriale dell’audiovisivo, consentendo lo scambio di buone pratiche produttive, oltre che di risorse finanziarie, per consentire e facilitare la realizzazione di film in Puglia.

AVVISO PUBBLICO

SCHEDA D’ISCRIZIONE

Per informazioni:

Alberto La Monica, Direttore Apulia Film Forum

email: forum@apuliafilmcommission.it – cellulare: 329-0551553

 

21/05/2019

Mercoledì 22 maggio “Duisburg – Linea di sangue” di Enzo Monteleone in onda in prima serata su Rai1

foto © Giuseppe Di Viesto

Un film verità di alto valore civile dove le forze dell’ordine e le istituzioni sono determinanti per la risoluzione del caso della strage di Duisburg, in Germania. “Duisburg – Linea di sangue” di Enzo Monteleone, è il film tv che andrà in onda mercoledì 22 maggio in prima serata su Rai Uno.

La vicenda del film, segue l’indagine dei due commissari Michele Battaglia, interpretato da Daniele Liotti, e Thomas Block, interpretato dall’attore tedesco Benjamin Sadler, che solo grazie alla loro co-operazione riusciranno ad arrestare il colpevole del massacro avvenuto a Duisburg, in Germania. Nel cast anche Vincenzo Ferrera, Marina Crialesi, Brenno Placido, Massimiliano Frateschi e un gruppo di attori pugliesi tra i quali Augusto Masiello, Anna Garofalo e Antonella Genga.

Girato nell’ottobre del 2017 per due settimane tra Peschici e Vico del Gargano (Foggia) e Bari e Triggiano, il film tv, prodotto da Iterfilm in coproduzione con Rai Fiction, è realizzato con il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia (190.964 euro) a valere su risorse del POR Puglia 2014/2020 e con il sostegno di Apulia Film Commission. Nel film sono coinvolte 50 unità lavorative pugliesi (tra cast artistico e troupe), per un impatto preventivato di circa 550mila euro.

 

16/05/2019

The Next Generation 2019 – Aperto il contest di cortometraggi

Next Generation 2019 cop

Geografie intese come spazi vitali e performanti, luoghi del reale e della metafora, perimetro di anime in cerca di ispirazione e raggio di un cerchio in perenne esplosione. Solo il cinema, con la sua forza immaginifica e potentemente evocativa, è in grado di declinare in suggestioni, immagini e “visioni” la sintesi di idee in perenne movimento. E al tema delle “Geografie”, con le loro infinite latitudini, sarà dedicata la quarta edizione di «Next Generation – Short Film Festival 2019», il concorso di cortometraggi promosso dalla Fondazione “Pasquale Battista”, ideato e diretto dall’Associazione «Alice in cammino e le arti», in partnership con Alice Area Arti Espressive, Accademia del Cinema Ragazzi di Enziteto (con il patrocinio dell’assessorato all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, del Comune di Bari e di Apulia Film Commission). Dopo le prime tre edizioni, capaci di rivelare nuovi e originali talenti pugliesi della macchina da presa, il progetto diventa ancora più ambizioso: il contest si apre a cittadini residenti, domiciliati o nati in Italia, diventando una chance preziosa nel panorama nazionale dei videomaker emergenti e indipendenti del nostro cinema, sempre più vivo e pieno di fermento.

La sfida, dunque, è lanciata anche quest’anno, dalla Fondazione diretta da Annalisa Zito, che porta il nome di Pasquale Battista, noto studioso e intellettuale pugliese che ha dedicato la propria vita nella promozione culturale della propria terra. «Lo spirito di fondo del festival – spiegano Tita Tummillo De Palo (direzione generale e artistica) e Velia Polito (codirezione artistica) – è di offrire spazi di espressione e dare voce alla “generazione che verrà”, da intendersi non solo in senso anagrafico, ma anche in senso artistico: capace di portare visioni nuove, inedite, prive del legame obbligato e della prosecuzione lineare con il passato. Per questa quarta edizione del festival, è richiesto ai videomaker di offrire mappature del mondo contemporaneo, a partire dai suoi spazi: oggettivi, soggettivi, collettivi, individuali. “Geografie” – il tema scelto – non è che una suggestione poetica. Le geografie possono essere fisiche o metafisiche, reali o irreali, utopie, resistenze; e così gli spazi possono essere vuoti oppure contenere tutte le cose».

La riflessione cinematografica dei partecipanti potrà essere condotta nelle più libere forme di narrazione attraverso il mezzo video, da intendersi nell’accezione più varia: storytelling cinematografico, videoclip, prodotto di videoarte ed altro ancora. Il cortometraggio con cui si può concorrere dovrà avere una durata complessiva che non superi i 30 minuti, e i candidati possono partecipare in forma di un singolo autore, coautori o collettivo. Ogni artista, inoltre, non potrà presentare più di un’opera (non necessariamente inedita). Il termine ultimo per le iscrizioni è fissato al 15 settembre 2019.

La scheda di partecipazione, allegata al bando, con tutti i dettagli per partecipare, è disponibile sui siti thenextgenerationfilmfestival.it e fondazionepasqualebattista.it. e sulla piattaforma FilmFreeWay. I lavori pervenuti saranno giudicati nella preselezione dalla direzione artistica del festival; i finalisti saranno poi valutati da una giuria tecnica di esperti in campo cinematografico, e dalla direzione della Fondazione Battista. Il contest ha un montepremi totale, in palio, di cinquemila euro e le opere vincitrici saranno decretate e proiettate nella serata finale del festival, che si terrà nel mese di novembre 2019.

 

Per informazioni e iscrizioni:

Email – nextgenerationshort@gmail.com

FB – The Next Generation Short

FilmFreeway – https://filmfreeway.com/TheNextGenerationShortFilmFestival

 

16/05/2019

A Terlizzi dal 17 al 19 maggio è in programma l’Apulia Web Fest

TERLIZZI – Prenderà il via domani, 17 maggio, la prima edizione dell’Apulia Web Fest – Audiovisuals, Peace and Food, il primo festival internazionale in Puglia dedicato al cinema digitale indipendente, che si terrà a Terlizzi dal 17 al 19 maggio.

Presenzieranno alla cerimonia di inaugurazione il sindaco di Terlizzi, Ninni Gemmato, il direttore artistico dell’Apulia Web Fest Michele Pinto e Joel Bassaget, direttore della Webseries World Cup.

Organizzato dal Comune di Terlizzi, in collaborazione con l’Associazione Culturale Morpheus Ego, col patrocinio di Apulia Film Commission, Mibac e Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, l’Apulia Web Fest propone un ricchissimo calendario di eventi ed incontri durante i tre giorni della manifestazione che ha selezionato 127 opere tra le 141 iscritte a concorso e provenienti da 26 nazioni diverse, fra cui decreterà, con la cerimonia di premiazione di domenica 19 maggio, i vincitori delle sei categorie (Webserie, Cortometraggi, Lungometraggi, Corti scolastici, Documentari, Pilot) assegnando ben 35 Premi.

Il Festival è inoltre inserito all’interno dell’ampio circuito mondiale della “Webseries World Cup”, la Coppa del mondo delle webserie che, ogni anno, da gennaio a dicembre, decreta la migliore produzione filmica della rete al mondo, sulla base dei punti accumulati nei vari festival aderenti (Toronto, Washington, Los Angeles, Miami, Rio, Valencia, Bilbao, Berlino, Amburgo, Seoul, Melbourne, ecc.).

Il taglio del nastro ufficiale è previsto alle ore 09:00 all’interno del Cortile dell’Ex Convento dell’Immacolata (Corso Vittorio Emanuele, 26). Ai saluti istituzionali e al brunch di benvenuto per tutti gli ospiti, seguirà una performance percussiva a cura del progetto sonoro UPUPA. A seguire si darà avvio ai sopralluoghi della città per tutte le troupe cinematografiche indipendenti che si saranno iscritte allo Short Contest a tempo e che si cimenteranno nella realizzazione di uno spot sulla città di Terlizzi, dando particolare rilevanza alla vivibilità della città e del territorio e alle bellezze artistico-monumentali, avendo a disposizione solo 50 ore per la realizzazione e la consegna, tassativamente, entro le ore 11.00 del 19 maggio, ultimo giorno di Festival.

Il vincitore dello Short Contest, che assegnerà un premio in denaro pari a €300,00, sarà decretato in occasione della cerimonia finale di premiazione nella stessa serata di domenica 19 maggio.

La prima giornata dell’Apulia Web Fest sarà incentrata sul tema della Pace, ospitando, presso la Biblioteca Comunale, alle ore 18.00, la Conferenza sul Mediterraneo, in collaborazione con la Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi alla presenza di S.E. Mons. Cornacchia. Durante l’incontro, moderato dal giornalista Franco Tempesta, interverrà Nancy Nicole Falco, esperta in analisi dei conflitti internazionali, con uno sguardo particolare alla situazione attuale in Libia e in Siria. Quello della pace è un concetto strettamente legato al principio della condivisione, intesa come incontro, conoscenza, confronto e reciproca contaminazione fra diversi pensieri artistici e differenti culture, con la nascita di nuove sinergie. Esteso al territorio in cui si svolge il festival, la Puglia e, in generale, l’Italia, cuore del Mediterraneo che, durante tutta la sua storia millenaria, è stato luogo privilegiato di incontro mettendo in contatto popoli e civiltà diverse, segnandone l’evoluzione attraverso i secoli. Oggi, il Mediterraneo richiama all’attenzione e alla riflessione sul significato della pace e della preziosa convivenza fra popoli, perché torni ad essere considerato un mare di vita, un ponte di incontro, culla della nostra cultura.

La conferenza sarà anche occasione per il conferimento del Premio per la Pace assegnato da parte della Diocesi agli artisti che, con i loro lavori filmici, dimostreranno attivo impegno e sensibilità in materia di diritti fondamentali dell’uomo.

 

Scarica la cartella stampa

 

15/05/2019

Annunciati i nomi dei 10 vincitori del progetto di cooperazione Grecia-Italia Ciak – Bando Memoria

Si è tenuta oggi al Cineporto di Bari, la conferenza stampa organizzata dalla Fondazione Apulia Film Commission per la presentazione dei registi under-35 vincitori del bando “Memoria” del progetto di cooperazione Grecia-Italia CIAK. È stata Simonetta Dellomonaco, presidente della Fondazione Apulia Film Commission, ad annunciare i nomi dei 10 registi vincitori:

Alessandro Porzio con “Come a Mìcono” (Un paesino ridotto a pochi e anziani abitanti, aspira ad una rigenerazione sul modello della vitalità della bellissima Mykonos; ma la città tornerà a ripopolarsi di giovani presenze in una maniera del tutto inaspettata);

Francesco Lorusso con “Wavesland” (Dei giovani salentini, preoccupati per l’amico disperso in mare, si improvvisano tecnici radiofonici, e credono di riconoscere il suo fischio in una frequenza proveniente dalla Grecia);

Antonis Kitsikis con “The Performance” (L’anziano protagonista, affetto da demenza senile, ripercorre grazie all’aiuto del nipote, l’estate del 1953, periodo nel quale la sua mente si è fermata);

Maria Pappa con “Lotus” (La seconda guerra mondiale è la cornice che racchiude la storia d’amore tra un italiano e una greca; l’ amore sembra essere l’unica forza capace di superare i momenti drammatici e gli eventi che mettono a rischio la vita);

Naike Anna Silipo con “Beyond the Sea” (Il legame tra Grecia ed Italia scoperto da un bambino nei racconti della nonna, è il punto di partenza per costruire un’amicizia con un coetaneo al di là del mare);

Tancredi Di Paola con “Stile Libero” (Una vita agiata ma insoddisfacente o un’esistenza semplice ma ricca di valori? Esplorando le proprie emozioni, il protagonista è posto davanti alla difficile scelta);

Iakovos Panagopoulou con “Allimonò” (Attraverso il ricordo dei tragici eventi vissuti da un amico barista durante l’occupazione nazista in Grecia, Filippo comprende come la memoria storica possa superare i conflitti e concorrere a creare unità tra i popoli);

Mattia Epifani con “Dior” (Athanasius è un giovane monaco ortodosso che vive il conflitto tra l’attrazione verso la realtà virtuale dei social network e la convinta adesione a una profonda fede);

Georgia Bowen Cartharis con “Farinella” (E’ il carnevale lo sfondo sul quale, a Zante, si muovono i protagonisti della storia, un ragazzo italiano e una ragazza greca, uniti dal misterioso contenuto di un cofanetto che la ragazza ha ricevuto dalla nonna con la raccomandazione di non aprirlo);

Manuel Marini con “Li Paradisi” (Sullo sfondo di un Salento colpito dal dramma della malattia degli ulivi, Lucia attraversa una profonda crisi personale che la spingerà a dubitare del suo amore per il marito, lontano da casa).

I vincitori del bando, sono stati scelti da una commissione internazionale di grande spessore nella quale spiccano i nomi del regista, documentarista e sceneggiatore Alexandros Avranas, vincitore del Leone d’Argento per Miglior Regista con il film “Miss Violence” al Festival del Cinema di Venezia nel 2013; la produttrice italiana Graziella Bildesheim, componente della Giuria dell’Accademia del Cinema Italiano – Premio David di Donatello e membro del Consiglio dell’Accademia Europea del Cinema; il regista, produttore e sceneggiatore albanese Andamion Murataj, vincitore dell’Orso d’Argento per Miglior Sceneggiatura (con Joshua Marston) con il film “The Forgiveness of Blood” al Film Festival di Berlino del 2010. A completare la commissione Massimo Modugno, dell’Ufficio Produzioni dell’Apulia Film Commission, e Giovanni Antelmi, Project Manager e assistenza tecnica della Fondazione per il progetto CIAK.

All’incontro, oltre alla presidente di AFC Simonetta Dellomonaco, sono intervenuti anche Antonio Parente, direttore generale della Fondazione Apulia Film Commission, e Gianfranco Gadaleta, Coordinatore del Segretariato Congiunto di Programma. Presenti anche i cinque componenti della commissione internazionale: Alexandros Avranas, Graziella Bildesheim, Andamion Murataj, Massimo Modugno e Giovanni Antelmi.

Il bando in questione, pubblicato lo scorso 21 dicembre 2018, prevede la realizzazione di 10 cortometraggi che raccontino storie, personaggi e luoghi in grado di esprimere autenticamente le molteplici relazioni tra la Puglia e la Grecia. Dei 10 vincitori, 6 provengono dalla Puglia e 4 dalle regioni greche coinvolte nel progetto: Regione dell’Epiro, Regione della Grecia Occidentale e Regione delle Isole Ionie.

Il progetto CIAK, “Common Initiatives to AcKnowledge and valorize tourism potential of the programme area through cinema”, finanziato dal Programma di Cooperazione Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020, mira a promuovere il patrimonio naturale e culturale delle regioni coinvolte attraverso iniziative legate al settore audiovisivo come cortometraggi, workshop sulla sceneggiatura e film festival.

La Fondazione Apulia Film Commission è partner capofila di questo progetto, che vede coinvolti, sul lato greco, quattro partner: Regione dell’Epiro, Regione delle Isole Ioniche, Regione della Grecia Occidentale e Università dello Ionio. Partner associato è il Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia.

 

 

Archivio contenuti|«123456 » »|